Il 90% del suo marchio del marchio Cavalli al fondo Clessidra

Dopo mesi è arrivata la conferma: Roberto Cavalli ha ceduto il 90% della sua casa di moda al fondo d’investimento italiano Clessidra Sgr.

chiudi

Caricamento Player...

Dopo mesi di illazioni ora c’è la conferma: Roberto Cavalli ha venduto la sua casa di moda. Una decisione che era nell’aria da tempo ma che per troppo tempo lo stilista aveva rimandato.

Roberto Cavalli, a 74 anni, ha confermato di aver ceduto la sua griffe al fondo d’investimento italiano Clessidra Sgr.

Pare che Cavalli abbia ceduto la maggioranza del capitale azionario per una cifra che, secondo le voci in circolazione, ammonterebbe a 390 milioni di euro.

Si tratta solo di voci, nessuna conferma ufficiale, ma lo stesso Roberto Cavalli ha detto:

“Sono molto soddisfatto di aver portato a termine questa operazione con un partner italiano, che, ne sono convinto, saprà valorizzare al meglio quanto ho costruito in una vita”.

Ad essere stata venduta è una quota di maggioranza del 90% del capitale e al fondatore fiorentino resta in mano solo il 10% della sua azienda.

Nell’azionariato di Varenne (che ha acquistato il 90%) ci sono alcuni co-investitori con quote di minoranza.

Il nuovo presidente della società sarà Francesco Trapani, ex patron di Bulgari, oggi vicepresidente esecutivo di Clessidra mentre Roberto Cavalli avrà un ruolo molto più limitato rispetto al passato.

Il marchio Cavalli l’anno scorso ha fatturato 209,4 milioni di euro e vanta ben 190 punti vendita monomarca in tutta Italia. Francesco Trapani ha infatti dichiarato:

“Abbiamo voluto fortemente questo accordo, perché crediamo nel potenziale di Roberto Cavalli”.

Roberto Cavalli ha raggiunto il successo negli anni ’70 grazie alle fantasie che richiamano il ghepardo, lo zebrato, le fantasie a farfalla, il leopardo, il coccodrillo e il serpente.

Gli abiti della maison Cavalli sono indossati da innumerevoli star come Jennifer Lopez, Naomi Campbell, Katy Perry e Lady Gaga. Abiti aggressivi e forti che rispecchiano sempre più quello che le donne vogliono rappresentare nella società.