Da oggi i ragazzi quando inseriranno una monetina nei distributori automatici, non vedranno più uscire uno snack “spazzatura”, ma uno snack “salutare”.

Per molti ragazzi i distributori automatici a scuola, sono simbolo di ritrovo con gli amici, un momento di pausa e relax, ed un buon snack da gustare lontano dagli occhi indiscreti dei genitori.

E se vi dicessimo che da oggi bibite gassate e merendine zuccherate, venissero sostituite con snack salutari a base di frutta e verdura?

Niente di peggio per la salute, soprattutto se a usufruirne sono i giovanissimi, sono gli snack . E allora, come evitare che gli studenti ne facciano uso e abuso? Con il protocollo d’intesa firmato dai 20 assessori regionali all’agricoltura che blocca la somministrazione ai minorenni di cibi spazzatura attraverso macchinette erogatrici, in tutti i locali all’aperto.

Leggi anche: Maurizio Gasparri insulta una fan di Fedez su Twitter: “Mettiti a dieta!”

Nel protocollo, come riporta Coldiretti, si legge:

“E’ vietata la distribuzione ai minori, mediante distributori automatici e in ogni luogo aperto al pubblico di alimenti e bevande sconsigliati ovvero contenenti un elevato apporto totale di lipidi per porzione, grassi trans, oli vegetali, zuccheri semplici aggiunti, prodotti ad alto contenuto di sodio, nitriti e/o nitrati utilizzati come additivi, aggiunta di zuccheri semplici e dolcificanti, elevato contenuto di teina, caffeina e similari”.

Il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo, ricorda i dati che riguardano l’alimentazione dei più giovani:

“Si tratta di una svolta necessaria in un Paese come l’Italia dove quasi un bambino sui quattro, il 22%, è in sovrappeso mentre il 10,6% è addirittura obeso secondo  l’ultimo Rapporto Okkio alla salute.”

I giovani di questa generazione potrebbero essere i primi a vivere meno dei propri genitori ed oltre al possibile aumento di peso, è un importante fattore di rischio per molte malattie come i problemi cardiocircolatori, il diabete, l’ipertensione, l’infarto e certi tipi di cancro.

Per evitare che questo accada, può esserci l’aiuto dei nuovi distributori automatici di frutta e verdura snack che si stanno diffondendo e dove è possibile acquistare a prezzi calmierati frutta fresca, disidratata o spremute di origine nazionale senza aggiunte di zuccheri o grassi come alimento rompi-digiuno per una merenda sana alternativa, fermando così il consumo del cibo spazzatura.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 24-10-2014


Litigare con i figli: secondo Daniele Novara le urla non servono

Secondo figlio in arrivo, come regolarsi col primo?