I disegni dei bambini non rivelano la loro intelligenza

5 errori da evitare in palestra

Uno studio del King’s College di Londra rivela: non c’è relazione tra i disegni dei bambini e la loro intelligenza e non esiste un gene del disegno

I disegni dei bambini non rivelano anche la loro intelligenza. È il risultato di una ricerca condotta dal Centro di Psichiatria Genetica e dello Sviluppo del King’s College di Londra, tesa a dare risposte ad alcune domande che da sempre affliggono medici, scienziati e mamme: saper disegnare precocemente può essere indice di una maggiore intelligenza? Esiste un gene specifico per il disegno?

La ricerca effettuata dal King’s College è iniziata addirittura dieci anni fa ed ha riguardato 15.504 bambini. I risultati sono stati sorprendenti. I bambini analizzati sono 7.752 coppie di gemelli di 4 anni, sia omozigoti che eterozigoti. L’obiettivo era verificare l’esistenza di un legame tra i geni dei bimbi e la loro  capacità di disegnare. Ai piccoli è stato chiesto di disegnare un bambino, quindi sono stati sottoposti a test cognitivi, come quello del Disegno della Figura Umana che assegna un punteggio in base all’accuratezza dei dettagli  e dei particolari inseriti, se sono presenti – ad  esempio – capelli, orecchie, ciglia.

La comparazione dei risultati tra i Test del Disegno e quelli di intelligenza ha consentito di dare le prime risposte,  che sono state valutate e monitorate nel tempo: a distanza di anni,  infatti, sono stati ricontrollati i risultati e le analogie ottenute dai bambini che avevano  mostrato un’intelligenza maggiore e da quelli che avevano fatto registrare punteggi minori. La ricerca, guidata dalla dottoressa Rosalind Arden, ha evidenziato come non ci sia un nesso vero e proprio tra la capacità di disegnare e l’intelligenza dei bambini. Tra i punteggi alti nei test del disegno e quelli di intelligenza generale la correlazione era alquanto moderata.

L’abilità nel disegno, insomma, non va di pari passo con quella intellettiva. I bambini che  avevano ottenuto i risultati più alti ai test intellettivi, tra l’altro, hanno fatto registrare gli stessi risultati a distanza di alcuni anni, segno che le capacità cognitive restano inalterate nel tempo,  anche se influenzate da diversi fattori. Quanto alla supposta esistenza di un gene del disegno, effettivamente i disegni  dei gemelli omozigoti hanno  mostrato delle  similitudini più spiccate rispetto a quelle dei gemelli eterozigoti. L’abilità nel disegnare, però, sembra influenzata piuttosto dalle doti di osservazione dei bambini e dalla capacità di padroneggiare matite e pastelli.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 26-09-2014

Donna Glamour

Per favore attiva Java Script[ ? ]