I cinguettii di Dries Van Noten cantano la donna nei boschi

La sfilata parigina di Dries Van Noten rinuncia alla musica e si trasforma in una passeggiata tra i boschi alla ricerca della semplicità della moda

Una sfilata o una passeggiata nel bosco? Se Dries Van Noten voleva stupire, c’è riuscito in pieno. La collezione primavera estate 2015 dello stilista fiammingo, presentata sulla nobile passerella della Paris Fashion Week, è sembrata piuttosto un richiamo alla natura, alla semplicità, una sorta di rifiuto verso tutto ciò che di artificiale, superfluo, inutile, accompagna il mondo della moda. Un ritorno all’essenza vera della passerella, ben al riparo dalle esagerazioni ipertecnologiche di qualche illustre collega.

[wooslider slider_type=”attachments” limit=”20″]

Certo,  forse Dries Van Noten esagera nel senso opposto,  rifiutando addirittura la musica a corredo della sfilata: solo cinguettii di uccellini, leggeri per giunta, ad accompagnare, scandendoli uno per uno, i passi felpati delle modelle: un modo garbato  per ironizzare sui cinguettii virtuali, i famigerati  tweet, degli altri brand, ma anche sull’abuso distorto che nella vita di  tutti i giorni si fa di iphone, smartphone e quant’altr.

Nell’ambiente bucolico  e incontaminato che la  circonda, la donna immaginata da Van Noten si muove con consapevolezza dei suoi mezzi e della sua forza, in perfetta armonia con la natura. È una donna che cammina su un  tappeto di muschio e che sfoggia con disinvoltura  una rassegna di blazer e t-shirt dai volumi ampissimi, piccoli bomber, pantaloni dal cavallo basso e  linee irregolari, ampi boxer quasi sottratti ai guardaroba maschili. I colori? Verde  petrolio e bordeaux i più intriganti, ma nella collezione quello che più ricorre è il patchwork, di cui Dries Van Noten fa un uso davvero smodato.

Uso ricorrente ma non per questo inelegante, capace di trasformare ogni vestito in qualcos’altro. Effetto simile  è quello  conferito dalle vivaci texture,  dettagli di lusso in un contesto volutamente sobrio ed essenziale. Unica nota stonata di tutta la linea – forse –  l’utilizzo di accessori non consoni allo stile  della collezione. Dries Van Noten, probabilmente,  cade sul più bello, sui dettagli,  ad un passo dal traguardo. Inguardabile la pochette e la bustina  pelosa, decisamente inadatta ad una passeggiata nel  bosco tesa a recuperare la  semplicità perduta,  così come fuori luogo appaiono i sandali flat con zeppa appena accennata: in questo caso sarebbe servita maggiore aggressività,  per valorizzare al meglio un paio di scarpe  altrimenti anonimo.

Se vuoi altri aggiornamenti sul mondo femminile, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy

ultimo aggiornamento: 26-09-2014

Redazione Donna Glamour

X