H&M rivoluziona la moda con Mariah Idrissi, la prima modella con lo hijab

H&M modella con lo hijab: in pochi secondi di spot, H&M rivoluziona la moda con la scelta di inserire la prima modella con lo hijab

chiudi

Caricamento Player...

H&M è il primo grande brand ad inserire una modella con lo hijab, il velo indossato dalle donne musulmane, in uno spot di moda.  Lo hijab copre la testa e il collo e, fino a questo momento, non era mai stata presa in considerazione la possibilità di mostrare in uno spot di una grande compagnia, un outfit occidentale abbinato al velo musulmano.

H&M, con questo spot, rivoluziona il mondo della moda e apre alla multiculturalità il design dei grandi marchi e delle grandi catene occidentali. Non è la prima volta che i grandi marchi propongono moda adatta alle donne muusulmane, lo avevano già fatto Tommy Hilfiger, DKNY, Oscar de la Renta, ma lo avevano fatto con collezioni prettamente studiate per il mercato esclusivamente musulmano.

Ora con H&M i mondi si mescolano e la moda occidentale con lo hijab è presentata insieme all’intera collezione, senza differenze di sorta.

Mariah Idrissi, la modella in questione, ha 23 anni, è pakistana, vive a Londra e indossa il velo da quando aveva 17 anni. Intervistata dal sito Fusion ha spiegato che ha partecipato allo spot con il consenso dei suoi genitori e ha affermato di avere fatto questa scelta perchè aveva notato che nella moda occidentale le donne con il velo, venivano spesso ignorate. Mariah ha ammesso che il team di H&M si è comportato il modo totalmente rispettoso nei suoi confronti, concedendole camerini privati e assistenti donna per aiutarla a sistemare i vestiti, in modo da limitare contatti fisici con gli uomini.

Non solo il pezzo con Mariah Idrissi, ma l’intero spot H&M è improntato sulla multiculturalità, sulla diversità, sull’importanza di scegliere da sè come vestirsi in base ai propri gusti, senza badare alle convenzioni.

Inoltre lo spot di H&M invita a riciclare i propri abiti usati per promuovere una moda sostenibile sia dal punto di vista economico, sia da quello ecologico.

Fonte foto: YouTube