Helena Costa, il Calcio si tinge di Rosa: guiderà il Clermont

Il Clermont Ferrand, club di Ligue 2, ha scelto una donna come allenatore. La portoghese Helena Costa è già entrata nella storia: “Magari posso considerarmi un’apripista – spiega – ma siamo nel 2014. Consideratemi un normale allenatore”.

chiudi

Caricamento Player...


Helena Costa si presenta emozionata ma non impaurita. Sembra trovarsi a proprio agio davanti a una quantità enorme di giornalisti, fotografi e operatori, desiderosi di assistere ad un evento di portata mondiale. Sfoggia un sorriso determinato, come se fosse pronta ad allenare già da domani mattina. D’altronde una figura femminile che allenerà una squadra professionistica produce un effetto mediatico quasi naturale, in uno sport da sempre considerato al maschile.

Helena Costa è pronta ad abbattere il “muro” dei sospetti e dei pregiudizi con i fatti. D’altronde il percorso che l’ha portata nella città francese conferma alcune delle sue qualità. Ha lavorato con i giovani del Benfica, iniziando all’età di 20 anni, poi nel Cheleirense, nel Celtic in qualità di osservatore e come commissario tecnico delle Nazionali femminili di Qatar e Iran. Sembra pronta al grande salto.

Nella conferenza stampa di presentazione, dopo l’annuncio ufficiale avvenuto il 7 maggio scorso, Helena Costa sfodera gli artigli e a chi gli chiede se non sia un passo troppo grande risponde così:

“Lo so perché acquisisco una posizione in un mondo sinora principalmente maschile, quindi comprendo che è un giorno importante. Magari posso considerarmi un’apripista, o forse no, ma siamo nel 2014, così capisco la sorpresa, la quantità di stampa e l’impatto mediatico avuto, tuttavia dovrebbe essere una cosa normale. Pertanto consideratemi un normale allenatore”.

Il presidente Claude Michy l’ha scelta senza timori. Clermont è da sempre la città del rugby. Da oggi il calcio sarà allo stesso livello. Almeno sul fronte della curiosità. Perchè Helena Costa farà parlare molto di sé: Io sono una persona esigente – spiega Helena con un francese quasi perfetto – soprattutto con me stessa. Tutti gli allenatori hanno punti di forza e di debolezza e se io avessi pensato di essere a questo livello non sarei qui. Inoltre, se non porterò risultati verrà il momento di lasciare. Questa è la regola. Io sono un allenatore come gli altri”.

La Ligue 2 è un campionato lungo e difficile. Le risorse economiche a disposizione non saranno illimitate. Helena Costa è pronta alla sfida: “Ho già incontrato lo staff – ha detto – daremo un gioco e obiettivi ben precisi alla squadra. I giocatori sapranno come muoversi e a cosa puntare. Sono una persona ambiziosa e per questo sono qui per vincere”.

Lorenzo Lucon

Guarda cosa accadde oggi:

[jwplayer player=”1″ mediaid=”15687″]