Per Halloween arriva una nuova bevanda in sacche di sangue

Saranno il “must have” di domani sera nella notte di Halloween: è la nuova bevanda che si consuma direttamente dalle sacche di sangue per gli “aspiranti vampiri”

chiudi

Caricamento Player...

I drink (rigorosamente rossi) venduti in sacche di sangue sono l’ultima moda in Cina, specie tra i giovani fan della serie americana The Vampire Diaries. Per rendere maggiormente realistico il “sogno” degli aspiranti vampiri, sono nati anche dei locali a tema, dove lo staff è vestito da dottore o infermiera, e non mancano decorazioni macabre tra cui talvolta anche delle bare.

Halloween è l’occasione ideale per persone di ogni età per trasformarsi in personaggi divertenti e sorprendenti ed infatti quest’anno, oltre ai tradizionali abiti sarà possibile rendere il tutto più “veritiero” anche bevendo da una sacca di sangue.

Trovare l’abito perfetto di Halloween può essere quasi divertente come lo indossa. In questi giorni, la scelta dei costumi è molto ampia, con un’ampia gamma virtualmente illimitata di personaggi tra cui scegliere.

Impossibile però lasciarsi scappare le sacche di sangue.

Le sacche sono estremamente realistiche: le etichette riprendono la grafica delle sacche di sangue per trasfusioni, con tanto di “gruppo sanguigno”,  ma anche la scritta che ricorda che il contenuto è da bere, per evitare che qualcuno tenti (per esperimento o distrazione) una trasfusione.

Gli ingredienti spesso sono scelti non in base al gusto che danno alla bibita, ma a quanto riescono a riprodurre il sangue in termini di aspetto e di consistenza.

La bibita è rossa al gusto mirtillo ed energizzante e riporta anche il simbolo della Croce Rossa. Ma la confezione è veramente raccapricciante. Si chiama “Blood Bag” perché è venduta in confezioni del tutto uguali alle sacche di sangue con tanto di simbolo della Croce Rossa. Se si supera lo shock visivo, la si può acquistare per una cifra pari a 3,5 euro.

Le norme di Croce Rossa proibiscono l’uso del simbolo per scopi di lucro. Ed è comunque una trovata pubblicitaria/ commerciale rivoltante e disgustante!