Guerra aperta tra Cecchi Gori e Rita Rusic: lei chiede 400.000 euro

Scoppia la guerra giudiziaria tra gli ex coniugi Vittorio Cecchi Gori e Rita Rusic: lei vuole 400.000 euro, lui la querela per calunnie e abuso

chiudi

Caricamento Player...

Si sono separati nel lontano 1999, Vittorio Cecchi Gori e Rita Rusic, ma la guerra giudiziaria continua ancora. Il motivo scatenante del litigio ora sarebbe l’attico in via Platone, quartiere Monte Mario a Roma, di proprietà di Vittorio Cecchi Gori ma in uso esclusivo e legittimo di Rita Rusic.

Lo scorso 8 giugno, pare che Vittorio Cecchi Gori abbia tentato di entrare nell’appartamento con un  legale ed un fabbro ma gli è stato negato l’ingresso. Sono stati chiamati polizia e carabinieri e per accertamenti la porta è stata forzata e subito riparata distribuendo 5 nuove chiavi allo stesso Cecchi Gori e a Lierca Rusic, sorella della Rusic (che attualmente vive a Miami), in attesa che un giudice stabilisca l’uso della proprietà.

Rita Rusic avrebbe così denunciato l’ex marito Vittorio Cecchi Gori per violazione di domicilio e ha chiesto alla Procura di sequestrare l’appartamento, mentre l’avvocato di Vittorio Cecchi Gori ha presentato una denuncia-querela contro i familiari della Rusic per l’occupazione dell’appartamento, oltre a denunciare la Rusic per calunnie.

Se l’appartamento dovesse tornare di proprietà di Cecchi Gori, l’avvocato di Rita Rusic avrebbe chiesto 400.000 euro per la sua cliente.

Per ora, in attesa di sviluppi, la Procura ha chiuso la casa di via Platone.