Giornata mondiale della Natura: SOS elefanti

Il 3 Marzo 2016 è la Giornata Mondiale della Natura e l’attenzione è puntata sulla situazione degli elefanti e sul traffico illegale dell’avorio

chiudi

Caricamento Player...

Quest’anno la Giornata mondiale della Natura cade il 3 Marzo e si vuole porre in particolare l’attenzione sulla situazione degli elefanti: secondo quanto riporta Repubblica.it, solo tra il 2010 e il 2012 sarebbero stati uccisi più di 100mila elefanti per il loro avorio. L’appello dell’Onu è che si intervenga al più presto per fare qualcosa di concreto nella lotta ai traffici illeciti di animali selvatici o del loro avorio. Nell’edizione 2016 della Giornata Mondiale della Natura ci si concentrerà per risolvere e cambiare il triste destino degli elefanti asiatici e africani. La data del 3 Marzo non è stata scelta in modo casuale , ma sarebbe stata istituita dalle Nazioni Unite il 20 dicembre 2013, nel giorno in cui si celebra la firma della prima convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate da estinzione, avvenuta il 3 marzo 1973 a Washington. In questo giorno è attesa l’attuazione di un piano da parte dell’Unione Europea contro il traffico illegale di avorio, prelevato barbaramente dai corni di rinoceronti e di elefanti, ma anche il traffico di pellami e legnami protetti e animali selvatici.

Il video cartoon denuncia i crimini

A margine della Giornata Mondiale della Natura l’ Unodc, l’Ufficio delle Nazioni unite per il contrasto della droga e della prevenzione del crimine, ha creato un breve video pubblicato sui social, in versione cartoon che denuncia questi crimini.

Nel video viene mostrata la brutalità del bracconaggio, ma anche la distruzioni di foreste e interi ecosistemi, l’illegalità dei traffici di materie prime e droghe e molta corruzione.

Lo slogan “È ora di fare sul serio contro i crimini di natura” ideato per la Giornata Mondiale della Natura viene così rinnovato ancora una volta, nella speranza che almeno parte dei problemi descritti vengano risolti e i crimini condannati.

Fonte: Unodc
Fonte: Unodc

Fonte foto: wikipedia