Giornata della Felicità: ecco come essere felici con 8 regole

Il 20 Marzo si celebra la Giornata della Felicità, tra chi la insegue da una vita e chi ha imparato a trovarla nelle piccole cose

chiudi

Caricamento Player...

Il 20 Marzo 2016 si festeggia la Giornata della Felicità, un giorno in cui si tenta di ricordare quanto sia importante mantenere vivo questo sentimento e ricercarlo anche nelle piccole cose. La felicità è allo stesso tempo una ricerca e un modo di vivere giorno per giorno secondo particolari abitudini o pensieri, una ricerca che ossessiona migliaia di persone  che vivono chiedendosi se si sentiranno mai davvero felici. La felicità assoluta la si può sperimentare per un traguardo importante, per un’emozione forte, ma anche per la gioia della quotidianità.

8 regole per essere felici

Durante la giornata della felicità e non solo, si può riflettere su cosa davvero possa far felice una persona e cosa si può cambiare nella vita per aumentare le possibilità di essere felici.

  1. La felicità è fare ciò che piace e da soddisfazione, può essere un hobby o un lavoro stesso, l’importante è trovare il tempo di dedicarsi a ciò che ci rende felici.
  2. Leggere può aiutare a conoscere nuove cose che possono portare alla gioia e a conoscersi nel profondo scoprendo cosa può sostenerci e mantenerci allegri.
  3. Guardare film, così come leggere libri, apre nuovi mondi che altrimenti non potremmo scoprire.
  4. Curare i rapporti personali. tenersi stretti gli amici a volte può essere faticoso, ma alla fine ciò che si ricorderà di un’amicizia saranno i momenti belli passati insieme.
  5. Fare sport rende la vita piena e attiva e stimola la felicità perchè ci si sente bene con se stessi sia mentalmente sia fisicamente.
  6. Lavorare: produrre, essere impegnati, sono tutti modi per contare qualcosa nel mondo. Fare la propria parte è importante, per la società e per se stessi.
  7. Viaggiare, visitare posti nuovi da soli o in buona compagnia è un toccasana per il morale.
  8. Non essere ossessionati dalla ricerca della felicità: può essere contraddittorio, ma più ci si ostina a cercarla, più trovarla diventa difficile, bisogna lasciare che le cose capitino.