Gianna Nannini sulla figlia Penelope: “Ecco perché ho deciso di farla crescere a Londra”

In un’intervista al Corriere della Sera, Gianna Nannini ha spiegato la sua decisione di far crescere la figlia Penelope a Londra.


Logo Zalando 190x52

Da diversi anni ormai, Gianna Nannini vive a Londra, la città in cui ha deciso di far crescere sua figlia Penelope. La cantautrice è andata via dall‘Italia, Paese in cui solo da qualche anno è cominciato ad affiorare, e a poter reclamare diritti, il tema delle unioni civili e della stepchild adotion. Tutti fattori che hanno spinto la cantautrice ad andar via da un’Italia ancor troppo retrograda, come ha spiegato a Il Corriere della Sera.

Gianna Nannini: “Londra è tutto il mondo!”

Gianna Nannini
FONTE FOTO: FB_Gianna_Nannini

Come spiegato al Corriere della Sera: “Londra è tutto il mondo, tutti i colori diversi che stanno assieme, ma gli inglesi sono sempre stati “brexit”. Ho scelto di vivere qui perché così mia figlia Penelope cresce senza preconcetti. Ho pensato di darle garanzie e rispetto. Allora da noi non c’erano nemmeno le unioni civili, figuriamoci la stepchild adoption”.

A Londra, invece, Gianna ha potuto avere una vita diversa ed entrambe le cose con la sua compagna Carla. La sua terra però le manca e conta, prima o poi, di ritornarci: “Mi manca la mia terra. Mi manca il mio vino. Tornerò prima o poi per vivere questo lato legato alla natura”.

Le provoca però rabbia il fatto di essere ancora guardata male per la sua decisione di diventare madre dopo aver compiuto i 50 anni: “La Bibbia parla di madri a 70 anni… Se Rod Stewart fa un figlio a 65 nessuno dice nulla. Invece con me si parla di questo e non della mia musica”.

Gianna, ad ottobre, tornerà però con un nuovo album, ancora senza titolo: “Si sentirà una scrittura nuova, sempre Gianna Nannini ma più spontanea. Sarà un album sofferto, perché era fermo da tempo, la mia creatività è stata repressa, ma con l’entusiasmo che arriva da nuove collaborazioni”.