Gianluca Grignani torna a parlare dell’arresto: “Avevo finito lo Xanax, non vedevo niente”

Gianluca Grignani racconta del brutto episodio che l’aveva visto protagonista e spiega che la causa è stato un attacco di cecità per mancanza di farmaci.

chiudi

Caricamento Player...

Non si placano le polemiche legate al clamoroso arresto di Gianluca Grignani, accusato di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale per aver aggredito alcuni carabinieri a Riccione. È lo stesso cantautore emiliano a svelare nuovi dettagli sulla vicenda in una intervista a Vanity Fair. Particolari inediti, che vanno a completare quando già raccontato su facebook il giorno dopo lo sconcertante episodio.

Gianluca Grignani spiega:

“Avevo finito lo Xanax che prendo per l’ansia. Non avevo la ricetta e non mi andava di girare per farmacie cercando chi me lo desse senza, perché a Riccione mi riconoscevano tutti. Però stavo male. Soprattutto non vedevo più niente. Mi succede sempre così quando sono troppo stressato: gli occhi non vedono più. Per calmarmi ho bevuto due birre, Francesca e i bambini erano usciti, c’era solo un amico”.

Tutta colpa dello Xanax che non c’era, dunque. E delle ‘due’ birre che, da sole, avrebbero provocato l’ubriacatura. Poi prosegue:

“Continuavo a non vedere e allora ho detto a questo ragazzo di chiamare un mio amico carabiniere perché mi venisse a dare una mano. Era fuori in pattuglia e poi, non so perché, ha detto di venire ad altri carabinieri. Io non volevo andare con loro, non volevo che la gente mi vedesse in quella situazione, mi sono dimenato, uno di loro è caduto per terra. Gli ho chiesto scusa mille volte. Poi mi hanno portato in ospedale, sono stati tutti gentilissimi, ma io volevo parlare con mia moglie e i miei figli, per questo non mi calmavo”.

Insomma, una nuova versione con altri dettagli e un lieto fine, visto che da questa vicenda “sono nate tre canzoni niente male”. Ma il verdetto che conta lo fornirà il giudice. Il 16 settembre comincerà il processo e per Gianluca Grignani non sarà facile convincere il giudice della casualità di tutte queste coincidenze.