Il gatto, un animale magico con un potere di guarigione e trasformazione

Fin dall’antichità il gatto è ritenuto possessore di poteri magici e qualità soprannaturali. La scienza oggi dimostra che non sono solo leggende

chiudi

Caricamento Player...

Dal punto di vista energetico, il gatto può essere considerato come un trasformatore di energia, in grado di aiutarci a guarire e a stare meglio: la sua innata tendenza è quella di assorbire le energie negative che si accumulano nella nostra aurea, nei nostri chakra, o negli ambienti e trasformarle, trasmutarle: non è raro vedere un gatto accucciato in braccio al proprio Umano quando questo non sta bene: se soffre di disagi emozionali, il micio tenderà ad accoccolarsi all’altezza dello stomaco, sede del plesso solare, chakra che gestisce le emozioni con una frequenza energetica di tipo “inferiore”, come ad esempio la rabbia, la frustrazione, l’ansia, la paura, cioè energie di qualità meno elevate rispetto alle energie del chakra del Cuore, dove risiedono ad esempio la Pace, l’Amore, la Comprensione.

Il compito del gatto è proprio quello di assorbire e trasformare queste energie, rendendole meno pesanti. La stessa cosa succede se il disagio è un dolore: in questo caso non il gatto che non abbandona il proprio compagno a due zampe, standogli sdraiato addosso o comunque cercando un forte contatto fisico.

Proprietà terapeutiche dei gatti

Il gatto è dotato di una sensibilità particolare, riesce a entrare in sintonia con l’uomo, comprenderne lo stato d’animo e agire di conseguenza. Inoltre, accarezzare un gatto, così come un cane, fa sentire meglio, libera delle endorfine che agiscono positivamente sul nostro cervello, soprattutto quando siamo un po’ giù di morale.

I principi della Pet Therapy si basano proprio su questo: su quanto benefica sia, per l’essere umano che si trova in uno stato di disagio fisico o psicologico, la relazione con l’animale, cane o gatto che sia. E lo star bene diventa qualcosa che si scambia, che passa a questo punto tra due esseri viventi, poco importa se uno è umano e l’altro è animale.