Flop dell’attore comico Siani a Sanremo 2015

Bufera di critiche per il monologo di Siani a Sanremo 2015: battute scontate e infelici.

chiudi

Caricamento Player...

Ondata di critiche per il monologo di Alessandro Siani durante la prima serata del Festival di Sanremo 2015. Diversamente dal 2012, quando Siani ebbe grande successo come ospite sul palco dell’Ariston, ieri sera il suo monologo ha scatenato le critiche più acerbe su Twitter. A subire le frecciatine del pubblico, sono state le sue battute, ritenute troppo scontate e già sentite, dall’ironia sull’abbronzatura di Carlo Conti, a quella sulla statura di Brunetta.

Leggi anche: I look di Sanremo 2015

Il monologo di Siani a Sanremo è stato caratterizzato da battute riciclate da barzellette, satira politica spicciola e battute di scherno all’indirizzo dei più deboli, a partire dal debutto infelice con la presa in giro di un bambino in carne che si era alzato dal suo posto in platea per salutarlo:

“Ma riesci ad entrare nella poltrona? Da lontano mi sembrava una comitiva!”

Per proseguire con le banalità politiche:

“Se ti vede Salvini ti chiede il permesso di soggiorno. Obama in confronto a te è una mozzarella di Mondragone” riferendosi a Carlo Conti.

Il monologo ha lasciato basito il pubblico in sala e i tanti telespettatori di Sanremo, con battute del tipo:

“Signora, si sono rotte le acque! – Chiamatemi l’idraulico.
- C’era un’Autoblu col seggiolone! E’ la macchina di Brunetta.
- Abbiamo fatto un Natale poverissimo con regali riciclati. La grappa ha fatto cinque anni nelle botti ma ha fatto anche sette anni a casa mia.
- Prendi, rispondi e corri. Prendi, rispondi e corri. Lo scatto alla risposta.
- Ci sono donne che vorrebbero un uomo che guadagna 2 mila euro. Ma vanno bene anche due da mille.
- Ho mangiato il gelato al puffo. Ne ho mangiato un chilo, ho ruttato ed è uscito Gargamella.”

Leggi anche Albano e Romina a Sanremo 2015

In chiusura l’omaggio a Pino Daniele, doveroso da parte di un artista napoletano.

Naturalmente dopo la gaffe Siani ha cercato di correre ai ripari, scattando una foto con il bambino che aveva deriso in apertura del suo monologo; foto pubblicata sul profilo ufficiale si Sanremo 2015:

Intervistato a riguardo Carlo Conti, durante la conferenza stampa di Sanremo di oggi ci tiene a precisare:

 “Non sapevo nulla di Siani che ha chiesto scusa per la battuta al bambino grasso. Quando ho raccontato del compenso, non sapevo nulla del tweet riparatore. Era già previsto che lo dicessi, perché mi sembrava un bel gesto. Non l’ho detto per riparare la sua gaffe”.