Flavio Insinna vive ancora con sua madre, ecco per quale motivo

Flavio Insinna, intervistato da Oggi, ha spiegato i motivi per i quali, nonostante soldi e successo, viva ancora a casa con sua madre.

chiudi

Caricamento Player...

Intervistato dal settimanale Oggi, Flavio Insinna ha spiegato le ragioni per le quali, nonostante abbia compiuto 51 anni di età, viva ancora felicemente a casa con sua madre, non pensando che ciò possa rappresentare un problema o sia motivo di disagio, visto che la maggior parte dei ragazzi di oggi, generalmente, fa di tutto per andare via di casa e vivere una vita per conto proprio. A maggior ragione, la considerazione nasce dal fatto che Insinna avrebbe tutte le possibilità economiche per poterlo fare.

Flavio Insinna: “Reputo un regalo di Dio vivere con una famiglia dove non sanno neanche quanto guadagno e non mi hanno mai chiesto niente”

flavio-insinna

FONTE FOTO: FACEBOOK

Insinna ha rivelato ad Oggi: “Non ho il computer, non apro mai internet e se c’è la pagina dello spettacolo la salto e vado a quella dello sport. Anche a casa, mia madre e mia sorella non mi hanno chiesto nulla. In famiglia ci amiamo in maniera straordinaria e sappiamo che se uno non parla è perché non ha interesse a parlare. Nessuno s’impiccia. Per anni hanno continuato a chiedermi: “Ma vivi ancora con i tuoi?”. Sì, e lo reputo un regalo di Dio vivere con una famiglia dove non sanno neanche quanto guadagno e non mi hanno mai chiesto niente, hanno solo ascoltato quello che volevo dire io. La mia famiglia, per me, è la cosa più importante”.

Nessuno gli ha mai chiesto niente anche delle nozze saltate con Graziamaria Dragani. Insinna, notoriamente, è restio a parlare della sua vita privata e quando gli è stata mossa ‘l’accusa’ di poter essere gay, il conduttore di Affari Tuoi ha così replicato: “Mi hai mai visto affannarmi a rispondere o a smentire se sono gay o no? No! L’unica polemica nella mia vita l’ho fatta, purtroppo, contro i simpaticoni di Striscia quando dicevano che Affari Tuoi era pasticciato. È l’unica volta in cui mi sono esposto. Per le altre cose mai: dove vivo? Vivo con mamma? Sono gay? Mi sposo? È roba della mia vita. Il giorno in cui mi arrestano perché ho rubato dieci barattoli di marmellata, qualcosa al giudici dovrò dirla. Qua, invece, ho la libertà non solo di non rispondere, ma di dirti che è una parte privata della mia vita”.