Finzione: quando i Film prevedono tristemente il Futuro.

La finzione spesso anticipa la realtà.

chiudi

Caricamento Player...

A stroncare prematuramente la vita della star della fortunata saga di Fast&Furious è stato proprio un incidente in auto: caso, destino o fine annunciata?! La notizia della morte di Paul Walker sabato scorso è stato come un fulmine a ciel sereno ed ha sconvolto tutto il mondo del cinema.

Il 40enne attore americano è diventato famoso grazie alla serie cinematografica di Fast&Furious giunta al settimo film che Paul stava girando con gli altri colleghi prima di quell’assurdo incidente d’auto. Una serie vincente grazie al binomio “donne e motori” con una costante e forte dose di pura adrenalina e finzione: solo in questo caso però la passione per il gentil sesso fa solo da contorno alle corse d’auto, alle gare senza freni dove l’unica regola è andare più forte, non avere paura di niente e di nessuno al limite della pazzia, della realtà. In quei film Paul è sempre stato l’eroe, il vincente, quello che spingeva le sue auto alla velocità massima.

Il destino ha voluto che trovasse la morte come in una scena dei suoi amati film, la macchina su cui stava viaggiando andava veloce, troppo veloce a quanto risulta dalle prime ricostruzioni dell’accaduto, fino a perdere il controllo e incendiarsi, senza lasciar scampo al bel attore. Qualcosa però ha stonato in quella macabra scena ed i fans più incalliti se ne sono accorti sicuramente: Paul non era al volante questa volta, è morto da passeggero, a fianco di un amico che lo stava portando ad una serata di beneficienza. Un brutto, pessimo scherzo del destino viene da dire subito. Oppure la finzione ha superato la realtà?

Se scorriamo tutti i film, soprattutto americani, degli ultimi decenni troviamo una moltitudine di pellicole che bene o male, volente o nolente, hanno finito per anticipare i più grandi disastri che hanno segnato la nostra storia. Vengono in mente i film d’azione che hanno raccontato per anni incredibili colpi di stato, atti di terrorismo e città colpite al cuore con i principali monumenti o simboli dati alle fiamme o ridotti in polvere; ma anche i film di alta tensione che hanno emozionato milioni di persone incollate davanti alla tv o alla poltroncina del cinema grazie ad un aereo dirottato od un treno lanciato a tutta potenza senza più freni su una strada interrotta.

Tutte trame già viste, non solo nei film però, purtroppo. Non sappiamo se i registi di quei film abbiano avuto un’illuminazione, una visione e abbiano voluto avvisarci nell’unico modo in cui potevano farlo, ma quel che è certo è che effettivamente ci è toccato assistere per davvero alla caduta delle Torri Gemelle, agli aerei dirottati, alla caduta di New York e della sua popolazione, ma anche alle stragi di innocenti per colpa di aerei caduti o treni deragliati.

C’è chi crede nel destino e chi invece ai segni divini, qualcuno invece, decisamente più scettico, è convinto solo che quello che succede attorno a noi è dovuto semplicemente alla forza della casualità. Nessuno potrà mai dire quale teoria sia più giusta, in ogni caso non ci resta che aspettare allora di capire se anche i film di fantascienza che parlano di mondi lontani e di alieni avranno un riscontro nella nostra vita reale…finzione oppure triste premonizione?

FLOP!

Claudia Elena Rossi.