Fenomeno Transformers 4: in Cina i contadini coltivano Autobot

Transformers 4 ha avuto un successo planetario tanto che alcuni contadini di Xiaoye hanno abbandonato le coltivazioni per dedicarsi ai modellini-replica.

chiudi

Caricamento Player...

Il successo di Transformers 4 – L’era dell’estinzione supera ormai ogni immaginazione e non si limita agli straordinari numeri in termini di spettatori e incassi che provengono dal botteghino. Il film di Michael Bay è primo in classifica in parecchi paesi, ma è in Cina che la sua popolarità ha raggiunto livelli record, al punto da generare una vera e propria Transformers-mania. Alcuni contadini, addirittura, hanno accantonato la coltivazione dei campi per dedicarsi alla costruzione di repliche degli Autobot.

La notizia è riportata dal quotidiano locale China Daily ed è corredata da una serie di foto tutto sommato inquietanti. Undici i contadini di Xiaoye, un piccolo villaggio dello Shandong, provincia orientale della Cina, che hanno deciso di farla finita con zappe, aratri e trattori. Piuttosto che i campi, meglio coltivare…Tranformers.

Proprio così: utilizzando parti di tir e automobili abbandonati, scarti di lamiera e altri rottami, gli undici intraprendenti coltivatori hanno iniziato a costruire robot altri più o meno 16 metri. Identici, in massima parte, alle macchine protagoniste del film, tanto da sembrarne fedeli riproduzioni.

Già un centinaio i robot costruiti dal gruppo di contadini, tanto che è già fiorito un piccolo giro d’affari. Ogni creazione è venduta al prezzo di 16.000 dollari, ma chi sono gli acquirenti? Semplice: centri commerciali, luoghi d’attrazione, parchi di divertimento. Chi non vorrebbe, d’altro canto, sfoggiare ad amici e conoscenti Optimus Prime, Rutchet e Bumblebee, i grandi protagonisti del film di Michael Bay?

Ma perché Transformers 4 – L’era dell’Estinzione è diventato un cult nel paese cinese? Probabilmente anche a causa del fatto che alcune scene sono ambientate a Pechino e Hong Kong, oltre alla presenza di alcune star del cinema locale nel cast. Il film di Michael Bay, tra l’altro, è stato subito accolto alla grande in tutto l’Oriente. I dati relativi al mercato asiatico parlano di 280 milioni di dollari incassati al botteghino, una settantina in più di quelli ricavati negli stessi Stati Uniti.

E in Italia? Uscito il 16 luglio, ha subito incassato un milione al primo colpo. Ma, di sicuro, nelle nostre campagne ancora non è spuntato alcun Autobot, ma forse è soltanto questione di giorni.