Fabrizio Corona: Silvia Provvedi racconta i suoi ultimi istanti da uomo libero

Mentre Fabrizio Corona è in carcere in attesa di conoscere il suo destino, Silvia Provvedi rompe il silenzio ed interviene a La Vita in Diretta.

chiudi

Caricamento Player...

Fabrizio Corona è in carcere in attesa di conoscere la decisione del Tribunale del Riesame in merito alla richiesta di revoca dell’ordine di custodia cautelare che ha portato Corona a San Vittore. Dopo il lungo silenzio da parte dei suoi cari nel corso degli ultimi giorni da quando l’ex re dei Paparazzi è stato arrestato, a parlare è stata Silvia Provvedi intervenuta a La Vita in Diretta con un breve collegamento.

Silvia Provvedi e il suo amore per Fabrizio Corona

fabrizio-corona

Intervenuta a La Vita in Diretta, la bruna de Le Donatella, ha dichiarato: “Io sono una ragazza innamorata, sono qui per questo. Sono una ragazza di 22 anni, io amo Fabrizio e voglio stargli vicino. L’amore non è solo tutto bello, è anche sacrificio e forse si vede proprio in questi casi chi ti vuole bene”.

La Provvedi ha poi parlato della mamma di Corona, Gabriella Previtera Corona, che si starebbe occupando del figlio Carlos: “Come sta? Non bene, come una mamma che ha il figlio in carcere. Si sta occupando di Carlos e siamo molto unite. È troppo facile stare vicino ad una persona quando va tutto bene”.

A parlare di Corona e dell’accanimento mediatico nei suoi confronti ci ha pensato anche Giampaolo Celli, amico e stilista personale: “Nei confronti di Fabrizio si sta attuando un linciaggio mediatico perché il personaggio è notissimo. Mi hanno deluso molti amici che circondavano Fabrizio, che si vantavano dell’amicizia di Fabrizio, persone che sono andati ospiti in tv a buttare fango su Fabrizio. Qualcuno non dico che si è arricchito ma ha guadagnato qualcosina. Noi siamo con Fabrizio. Lui ha un figlio, una mamma, una famiglia, tanti assistenti, un lavoro. I suoi collaboratori si stanno spezzando in due. Non butterei così tanto fango su gente che lavora. Io conosco il vero Fabrizio, un giocherellone. Quando ho visto quei titoli ci sono rimasto malissimo. Umanamente mi dispiace”.

Le parole di Silvia a Chi

“Fabrizio non è un delinquente e io non sono una cretina. Se davvero il mio uomo fosse come lo raccontano non sarei qui. Dalle vicende legali saprà difendersi lui con i suoi avvocati. Io posso parlare della vicenda umana ed è una vicenda sporca. Tutte quelle persone che vanno in tv ad accusare Fabrizio, che è incapace di difendersi perché è in carcere, lo fanno perché sognavano di imitarlo, di essere come lui. Sbavavano per stare con Fabrizio, per guidare la sua macchina, per uscire e lavorare con lui e per lui. Ma ognuno si prenderà le sue responsabilità”.

Quando è stato sicuro di dover tornare in carcere, sarebbe corso da Carlos, il figlio avuto da Nina Moric:

“Eravamo in palestra. Fabrizio non si sente bene, mi chiede di andare in farmacia. Vado. Dopo un po’ lui mi raggiunge. È bianco in faccia e dice poche parole: “Amore, mi stanno arrestando, devi essere forte. Mi devo consegnare tra due ore esatte”. Poi è andato a casa di sua madre perché voleva avere la certezza di poter parlare con suo figlio Carlos. Gli ultimi minuti li ha trascorsi abbracciato a lui, una scena che non scorderò mai.

FONTE FOTO: FACEBOOK