Eutanasia legale in California: la rivincita di Brittany

Il governatore Jerry Brown ha firmato per l’eutanasia legale in California: scegliere di morire dignitosamente è un diritto

chiudi

Caricamento Player...

Grazie alla firma del governatore Jerry Brown ora l’eutanasia legale in California, merito anche della battaglia nata da Brittany Maynard, donna malata terminale, che si era dovuto trasferire in Oregon per morire dignitosamente. Prima di morire Brittany fece di tutto perchè tutto le persone che si fossero trovate nella sua terribili situazione potessero scegliere cosa fare della loro ultima pare di vita. Ora il suo desiderio è stato esaudito, anche se, per lei, troppo tardi.

Il disegno di legge californiano permetterà, da gennaio, ai medici di prescrivere farmaci di “fine vita” a patto che il paziente sia malato terminale, cosciente della sua situazione e che ci siano almeno due medici diversi ad approvarlo. Brittany ha lottato molto per il diritto di poter scegliere di finire dignitosamente la propria vita. Lei, malata di un tumore al cervello che l’avrebbe inevitabilmente uccisa, ha passato i suoi ultimi mesi in compagnia di famiglia e amici e insieme al marito, con cui ha viaggiato molto. Poi ha scelto di poter morire nella sua stanza fra le braccia del suo amore, con la pace e la musica in sottofondo. Così è stato, ma si è dovuta trasferire in Oregon. Ora, grazie alla sua battaglia, tutto ciò è possibile anche in California. In un video, aveva spiegato le sue idee: “Morirò al piano di sopra, nel letto che condivido con mio marito. Morirò serenamente, con della buona musica di sottofondo. Non riesco neanche a spiegarvi il sollievo che provo nel sapere che non devo morire nel modo in cui mi è stato detto: divorata dal mio cervello”.

Il sogno di Brittany si è avverato e queste sono state le parole di gioia amara della madre, che ha sempre combattuto insieme a lei: “Questa giornata dà uno scopo alla morte di mia figlia, e penso che ogni madre che ha perso un figlio voglia questo. I californiani ne trarranno beneficio, perché questo provvedimento apre un dialogo sulla morte e sul morire. Questa legge significa che il dialogo sta diventando più aperto e più schietto.” Anche il governatore Jerry Brown ha detto la sua: “Non so cosa farei se stessi morendo, con un dolore prolungato e straziante. Sono certo, tuttavia, che sarebbe un conforto avere la possibilità di valutare le opzioni offerte da questo disegno di legge. E non vorrei negare il diritto agli altri”

Fonte foto: Facebook