Emily Ratajkowski, hackerato il profilo della modella: rubate foto hot

Il profilo i-Cloud della bellissima modella Emily Ratajkowski è stato nuovamente violato dagli hacker che hanno rubato foto e video hot.

chiudi

Caricamento Player...

Già nel 2014 la bellissima modella Emily Ratajkowski aveva fatto parte di quel gruppo di star e celebrità, i cui smartphone e profili i-Cloud erano stati violati dagli hacker, con la conseguenza che diversi scatti e video privati, anche più o meno hot, erano stati diffusi in rete. A 3 anni dal cosiddetto Celebgate, Emily è stata nuovamente intaccata nella privacy dei suoi scatti, con gli hacker che le hanno nuovamente rubato tante foto e video.

Emily Ratajkowski: il rifiuto di Helen Wood del Daily Star di pubblicare le foto

Emily Ratajkowski
FONTE FOTO: instagram.com/emrata

L’hacker che ha violato la privacy della modella, secondo quanto riportato dal Daily Telegraph, avrebbe cercato di proporre 200 foto hot a Helen Wood, colei che cura una rubrica sulle celebrities per il Daily Star. Secondo quanto riferito dalla stessa Wood, un uomo le avrebbe inviato alcuni scatti della Ratajkowski invitandola alla pubblicazione. Ovviamente la giornalista si è rifiutata di compiere un simile oltraggio, finendo con il denunciare il tutto sulle pagine del giornale per cui scrive.

Nel suo articolo denuncia per il Daily Star, la Wood ha allegato anche uno screenshot della conversazione con il presunto hacker. Per Emily Ratajkowski, come abbiamo detto prima, si tratta del secondo attacco dopo quello subito nel 2014, quando furono hackerati diverse centinaia di profili di star internazionali, tra cui spiccano quelli di Jennifer Lawrence e Kate Upton, furono violati in quello scandalo che venne definito come Celebgate.

Emily, è venuta ultimamente alla ribalta, anche per aver difeso, via tweet, Melania Trump dagli insulti di una giornalista che le aveva dato della zo***la. Emily ha così twittato: “Qualunque sia la vostra parte politica, è importante che una cosa del genere sia chiamata col suo nome: un insulto sessuale“, conquistandosi l’apprezzamento della First Lady.

Emily e il femminismo

“Ho sempre lottato per la parità e i diritti, anche da ragazza concetti che ho imparato dai miei genitori, ma che grazie alla fama ho potuto trasformare in un impegno civile.

Hollywood è maschilista, lo dicono le cifre. È gestito da uomini che sono tutti amici, ex compagni di studi, complici. Le donne sono penalizzate non soltanto economicamente ma anche nei ruoli, ancorati ai soliti cliché, bella e sexy“, ha raccontato di recente in un’intervista a Il corriere della sera.