Eleonora Daniele parla del fratello autistico morto: “Vaccinate i vostri figli!”

La conduttrice Eleonora Daniele ha parlato di suo fratello autistico, morto due anni fa, evidenziando come l’autismo non c’entri nulla coi vaccini.

chiudi

Caricamento Player...

La presentatrice Rai Eleonora Daniele, madrina della seconda Giornata Nazionale per la Salute della Donna, ha lanciato un appello affinché tutti i genitori decidano di vaccinare i propri figli, non lasciandosi suggestionare dalla credenza popolare per cui i vaccini potrebbero provocare l’autismo. Lei lo sa bene, visto che due anni è morto suo fratello Luigi, soggetto autistico.

Eleonora Daniele: “Il vaccino non c’entra nulla con l’autismo!”

eleonora daniele
FONTE FOTO: facebook.com/Eleonora-Daniele

Queste le parole della Daniele: “Alle mamme che hanno paura di vaccinare i loro bambini vorrei dire che il vaccino non c’entra nulla con l’autismo. E lo dico io che sono cresciuta con un fratello autistico. I vaccini salvano la vita”.

La conduttrice ha evidenziato, poi, il suo dolore, quasi come se avesse perso un figlio: “Con mio fratello Luigi accanto sono maturata tanto perché ho imparato a vedere la sofferenza in modo diverso, fin da bambina. È stata un’esperienza forte. Abbiamo passato insieme metà della vita. Io oggi ho quarant’anni, lui ne aveva quattro più di me. Sono la più piccola di quattro figli e quando le mie sorelle maggiori hanno cominciato a lavorare, ad essere indipendenti, con Luigi c’ero io, sono cresciuta con lui. È un dolore che non mi abbandona mai, è troppo. È stato diverso anche dalla morte di mio padre. Quando perdi un genitore anziano è un conto, con Luigi ancora mi chiedo “perché”. Con lui ho perso un figlio”.

Eleonora pensa oggi ad una famiglia tutta sua, ora che sta per compiere 41 anni: “Penso tanto a una famiglia tutta mia. A un figlio soprattutto, quest’anno compirò 41 anni, è il momento. Penso anche al matrimonio, ma con meno urgenza. Convivo da quattro anni e non sento la necessità di dire sì. Per un figlio invece è diverso, lo desidero tanto. Dare la vita a un’altra persona… ritornerà un piccolo spiraglio di bellezza“.