Elettra Lamborghini attaccata da Platinette a Domenica Live, ecco perché

L’ereditiera Elettra Lamborghini è stata attaccata a Domenica Live da Platinette, che l’ha accusata di essere ignorante come…

chiudi

Caricamento Player...

Una delle ospiti di Domenica Live del 30 aprile è stata la discussa Elettra Lamborghini, appartenente ad una delle famiglie più ricche d’Italia. La giovane, infatti, 22 anni, è la figlia di Toni e nipote del grande Ferruccio Lamborghini, fondatore della casa automobilistica che produce costosissime vetture. La giovane si è voluta difendere dall’accusa dei media, che l’hanno etichettata come molto viziata e come non avente mai avuto amici che non fossero ricchi come lei.

Platinette sbotta contro la Lamborghini: “Sei ignorante come una capra!”

Elettra Lamborghini
FONTE FOTO: FB_Elettra_Lamborghini

La Lamborghini ha voluto anche rettificare una sua precedente affermazione, quando aveva dichiarato di non sapere quante auto Lamborghini possiede.

Platinette ha però rincarato la dose: “Visto che sei così ricca perché non sei filantropa?”, le ha chiesto. “Non è mica colpa mia se sono ricca”, ha risposto piuttosto seccata Elettra. Ma Platinette ha continuato con le sue domande: “Sai almeno che cosa vuol dire?”. “Certo che lo so”, ha replicato la Lamborghini. Ma alla richiesta di spiegare il significato della parola, dinanzi al silenzio di Elenttra, Platinette le ha detto: “Non ci credo! Sei ignorante come una capra“.

Anche gli altri ospiti in studio hanno attaccato Elettra, come Karina Cascella e la di Cristiano De Andrè, Francesca De Andrè, coalizzatesi contro l’ereditiera che ha guidato nuda da Bologna a Riccione per una scommessa. Elettra ha però incassato bene il colpo, rispondendo alla Cascella, colpendola in un punto davvero focale: “Sai perché ti conosco? Ho sentito parlare di te solo in riferimento a un gioco erotico in seguito al quale sei finita all’ospedale”.

Nonostante tutto, Elettra alla fine è scoppiata: “Non immaginavo che l’intervista si trasformasse in un continuo attacco contro di me. Se è così mi alzo e me ne vado”.