Elena Ceste, spuntano le scioccanti parole del marito ai figli

Una registrazione risalente ai giorni della scomparsa svela le scioccanti parole del marito di Elena Ceste ai figli sulla loro madre malata

chiudi

Caricamento Player...

Nuove intercettazioni sul caso di Elena Ceste gettato nello sconcerto il programma Quarto Grado, dove vengono proposte le parole del marito della donna scomparsa e poi trovata morta a Costigliole D’Asti il 24 Gennaio 2014: nove mesi dopo la scomparsa fu trovato il suo corpo in un canale poco lontano da casa. Le parole scioccanti di Michele Buoninconti ai figli riguardano i problemi psichici della moglie, che lui dice di aver tentato di raddrizzare per 18 anni: Se abbiamo i soldi è grazie a nonno Salvatore che lavorava notte e giorno lui e la nonna. Non avevano Whatsapp ma avevano tante zappe però. Bimbi è un segreto eh, mi raccomando, che vi ho fatto dormire qualche volta da soli.

La tragica fine di Elena Ceste

Elena Ceste scomparve il 24 Gennaio 2014, il suo corpo fu ritrovato solo nove mesi più tardi nel canale vicino alla sua abitazione. L’unico sospettato, per ora è proprio il marito Michele Buoninconti che proprio pochi giorni fa ha perso la potestà dei 4 figli della coppia. Lui si dichiara innocente, e anzi, insieme ai suoi legali sostiene che potrebbe essere stata lei stessa a compiere un atto autolesionistico, dato che soffriva di problemi psichici che potevano provocarle comportamenti simili. Sicuramente le ultime intercettazione non aiuteranno la situazione già in bilico dell’uomo, che oltre ad aver per la moglie, ora si ritrova anche allontanato dai suoi figli.

Per quanto riguarda, appunto la custodia dei 4 figli, i legali di Buoninconti hanno già fatto ricorso ribadendo l’innocenza del loro assistito dato che Elena Ceste, citando i legali, era in stato di deficienza psichica e quindi poteva compiere atti autolesionistici, come per altro sostenuto dallo stesso consulente del pm. Si attendono ancora chiarimenti e colpi di scena sulla tragica vicenda.