Donne più in Gamba degli Uomini nel Multitasking.

In media i maschi sono più lenti delle donne nel destreggiarsi contemporaneamente su più fronti.

chiudi

Caricamento Player...

Da un esperimento condotto dal britannico BMC Psychology Journal, è risultato che gli uomini sono mediamente più lenti e meno organizzati delle donne nello svolgere contemporaneamente più cose, passando rapidamente da un compito all’altro, in inglese indicato semplicemente come “multitasking”.

Entrambe i sessi di fronte ad una situazione di multi-tasking incontrano difficoltà e commettono errori che, in situazioni “normali”, non ci sarebbero, questo va detto, ma mediamente gli uomini faticano di più. E perché? Domanda assolutamente non scontata ed inutile, dal momento che la questione non dovrebbe essere vista in termini di argomento classista in conversazioni da salotto, ma piuttosto in termini di ricerca seria e motivata per, in futuro, enfatizzare e valorizzare le differenti qualità dei due sessi, massimizzandole quindi anche all’interno degli ambienti lavorativi, dove sempre più si richiede di portare a termine, spesse volte contemporaneamente ed in velocità, compiti molto diversi tra loro.

Bene, senza scendere troppo nei dettagli tecnici della ricerca, dallo studio campionario (che ha riguardato 120 donne e 120 uomini) è risultato che uomini e donne si equivalgono quando si richiede loro di portare a termine un unico compito, ma quando i compiti si sommano e si intersecano tra loro, gli uomini giungono alla conclusione più lentamente rispetto alle donne (un rallentamento del 77% per gli uomini contro un 69% per le donne, rispetto alla condizione normale).

Nella seconda fase dell’esperimento, di fronte ad un limite temporale massimo di 8 minuti per portare a termine la stessa molteplicità di compiti della prima fase sperimentale, è risultato che, in situazioni in cui si richiede di stabilire delle priorità, di organizzare bene il proprio tempo e di restare calmi seppur sotto pressione, le femmine hanno eccelso rispetto ai maschi.

La deduzione è stata che, in condizioni critiche, le donne, in media, si organizzano meglio degli uomini: questo perché dedicano tempo all’inizio per analizzare la situazione e pensare come porvisi, mentre l’uomo, in media, tende a cedere all’impulsività, reagendo d’istinto e, quindi, trovandosi dopo a dover scontare affanni e stress maggiori, che lo penalizzano in termini di risultato e/o di tempo.