Donald Trump e il sesso con Melania, ecco come avere privacy alla Casa Bianca

Circondato da guardie del corpo in ogni momento della giornata, scopriamo come Donald Trump potrebbe appartarsi con Melania alla Casa Bianca.

chiudi

Caricamento Player...

Donald Trump, come sappiamo, è il neo presidente degli Stati Uniti d’America, da poco insediatosi alla Casa Bianca, abitata fino a pochi giorni fa da Barack Obama e dall’ex First Lady Michelle. Facile immaginare che l’uomo oggi più potente del mondo sia circondato perennemente ed in ogni momento della giornata, da guardie del corpo, pronte a garantirne in ogni modo l’incolumità.

Com’è stato per Obama, adesso è per Trump. Ma in questo clima di massima sicurezza, i coniugi Trump potranno godere di qualche momento di intimità?

Donald Trump e Melania: codici segreti per avere un po’ di riservatezza

donald trump
fonte foto: facebook.com/DonaldTrump

In questo clima destinato a tutelare la sicurezza della persona del presidente Usa e della First Lady, trovare un modo per ritagliare dei momenti di privacy tra persone che si amano e vogliono stare per conto proprio è difficile. Come ha svelato il The Sun, però, esistono veri e propri codici segreti che possono essere utilizzati con le guardie di sicurezza per poter essere lasciati in pace durante i momenti di intimità.

Durante la presidenza di Obama, ad esempio, il presidente era soprannominato ‘Renegade’ e la moglie Michelle ‘Renaissance’. Un loro momento romantico veniva identificato come “il problema bosniaco”.

Pertanto, udendo la frase “Renegade non può essere disturbato al momento. Lui e Renaissance stanno discutendo il problema bosniaco“, le guardie sapevano che il Presidente non poteva assolutamente essere disturbato e nessuno, al di fuori degli agenti stessi, sapeva cosa davvero si celasse dietro quella frase.

Per Trump la situazione è resa ancor più complicata dal fatto che, per il momento, la First Lady Melania e il figlio Barron vivranno a New York nella Trump Tower e quindi lontani. Come faranno a vivere momenti di intimità? Ai posteri l’ardua sentenza!