Dolore da tacchi? Addio, grazie alla chirurgia

Eleganti, sexy, stilosi, ma spesso veri strumenti di tortura. Come facciamo a resistere al dolore da tacchi senza rinunciare a questo accessorio?

Non c’è arma di seduzione più efficace di un paio di tacchi. Regalano qualche centimetro in più alla figura e un’immagine sexy e iper femminile. Per molte donne sono una vera passione, ma anche una tortura terribile. La causa? Costringono il corpo a una posizione innaturale, causano squilibri nella postura, rallentano la circolazione sanguigna e creano problemi legati alle articolazioni.

Per indossare delle perfette Jimmy Choo, come si fa? Le donne asiatiche tradizionalmente fasciavano i piedi in modo da dare una forma piccola e femminile.

Leggi anche: Foot pilates, la ginnastica per prevenire l’affaticamento da tacco alto

E se ci fosse una novità in arrivo direttamente dalla chirurgia?

E’ vero che le mode vanno e vengono, ma i tacchi sono simbolo storico della donna, intramontabili. E proprio tra le mode, ce n’è una ancora più incisiva: la chirurgia estetica.

Seno, gambe, glutei, naso, orecchie tra gli interventi più quotati, ma arrivano anche i meno frequenti. La new entry d’eccezione, che tende in America ad arrivare nella pole position degli interventi di chirurgia plastica, è quella ai piedi. La moda detta un piedino da fata come quello fiabesco di Cenerentola, bandite le dita allungate, ma anche quelle troppo tozze. E non solo.

Una pratica dolorosa che il chirurgo evita, introducendo un cuscinetto di grasso per alleviare il dolore dei tacchi, addirittura sulla forma di una scarpa ben precisa!

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 28-10-2014

Licia De Pasquale

X