Dimagrire in pochi giorni si può. Ecco la dieta giusta!

Quando è troppo tardi, quando è imminente la vacanza e i costumi diventano i più acerrimi nemici, ecco che l’unica parola che non è esistita nel vocabolario dell’anno, ritorna prepotentemente: la dieta. La consolazione è che si può perdere peso in una settimana.

chiudi

Caricamento Player...

L’estate arriva sempre a giugno, ma, non si sa perchè, non siamo mai pronte. La bilancia ci guarda in cagnesco e noi fingiamo indifferenza, finché non arriva il week end, la vacanza breve o il matrimonio di un amico. Circostanze che ci fanno sentire in dovere di essere in forma.

Scattano immediatamente le lacrime del coccodrillo: “ma perché non ho cominciato la dieta?”; “dovevo evitare la carbonara, i pasticcini, le tartine, la lasagna!”.

Ma ecco che arriva una dieta facile, che fa dimagrire in una settimana, senza farci stramazzare al suolo. Certo, qualche sacrificio è richiesto, ma gli effetti saranno subito visibili.

La giornata comincia con un bel bicchiere d’acqua e succo di limone (a stomaco vuoto), poi, dopo circa 30 minuti, potete mangiare 2 mele, o 2 arance (in alternativa, pompelmo).

Durante la mattinata si possono consumare 5 noci, o una manciata di mandorle.

Per pranzo, la carne bianca: pollo o tacchino. A fine pasto, due vasetti di yogurt naturale.

Quando, alle 4 del pomeriggio, avrete voglia di mangiare il vostro vicino di casa, o il vostro collega, potrete consumare un’insalata condita con un filo d’olio e poco sale.

L’orario della cena è anticipato alle ore 6 del pomeriggio. Alimenti consentiti: uova sode, cetrioli, carote, ravanelli. Dalle 18:00 in poi i denti non devono masticare più nulla, fino al mattino seguente. Si potrà ricorrere al the verde.

Sette giorni di sacrificio e ne sarete fiere.

Se questa dieta non vi convince, Alba Jackson Blatner, autrice di The Flexitarian Diet, fornisce alcuni suggerimenti generali:

• Consumare verdure per aumentare il senso di sazietà;

• bere molta acqua;

• evitare i ristoranti;

• mantenersi occupati per evitare di mangiare per noia;

• disporre l’intero pasto in un unico piatto;

• mai saltare i pasti;

• annotare quotidianamente ciò che si mangia su un diario.