Dimagrire grazie al freddo? Si chiama criolipolisi

Volete dimagrire? Basta sudare, fare sport massacranti, saune e diete da capogiro. Oggi arriva un nuovo metodo: la criolipolisi.

chiudi

Caricamento Player...

Tutti sanno che per dimagrire bisogna sudare, facendo attività fisica, o se proprio non ce la si fa a sopportare il fitness, si usa la sauna. L’obiettivo è stimolare la sudorazione con il surriscaldamento del corpo.

Ma in pochi sanno che si può dimagrire anche con il freddo. Esiste una tecnica finalizzata alla diminuzione del grasso (ed alla riduzione della cellulite), tramite un sistema che permette di rimodellare il corpo sfruttando il freddo: la criolipolisi.

Questo trattamento estetico si basa sul principio per cui, a temperature basse, si possono ottenere effetti simili a quelli ricevuti dalla liposuzione, ovvero la riduzione del grasso localizzato, ma senza chirurgia.

Quest’ultima infatti consiste nell’asportazione chirurgica di tessuto adiposo dal corpo, mentre la criolipolisi è non invasiva, più rapida, indolore e graduale. Non serve il bisturi, non è necessario il ricovero e il paziente non subisce disagi, si percepisce solo un indolenzimento ed un arrossamento dell’area trattata.

Inoltre usando il freddo anzichè il caldo si garantisce selettività al processo, che è efficace solo laddove lo deve essere, senza intaccare in via collaterale gli altri tessuti del corpo.

Tramite un macchinario brevettato dall’università di Harvard e del Massachussets, la criolipolisi effettua un raffreddamento selettivo delle cellule di grasso, eliminandole naturalmente dall’organismo, con l’uso di un manipolo che è in grado di aspirare la parte da trattare, dopo averla raffreddata fino a -7° C in meno di un’ora, per poi essere liberi di riprendere le proprie attività quotidiane tornando a casa immediatamente.

La morte delle cellule di grasso in eccesso e della cellulite si ottiene con la brusca diminuzione della temperatura della zona trattata, procedura detta apoptosi.

Tre giorni dopo il trattamento compare un enzima detto Caspasi-3, che agisce in caso di necrosi dei tessuti corporei; una settimana dopo vengono indebolite le membrane delle cellule adipose; due settimane dopo vengono eliminate dall’organismo le cellule morte; tre mesi dopo il tessuto cellulare torna integro e senza lesioni, ma con una diminuzione sostanziale del grasso.

Molte cliniche in Italia hanno adottato questa tecnica e sul portale Guidaestetica.it si possono trovare tutti i centri estetici che si occupano di criolipolisi, provincia per provincia, oltre a interessanti commenti di pazienti che si sono sottoposti al trattamento.