Dimagrire con l’aceto di mele

Bellezza al sapore di mela

chiudi

Caricamento Player...

Dimagrire con l’aceto di mele è possibile grazie alle riconosciute proprietà diuretiche di questo alimento e alla sua utilità nella regolazione della glicemia e dell’assorbimento dei grassi.

Effetti benefici sul metabolismo e sulla diuresi

L’aceto di mele accelera il metabolismo, quindi lo smaltimento delle calorie. Per questo motivo è consigliabile assumere un paio di cucchiai d’aceto di mele diluito in acqua prima di ogni pasto. Per renderne meno pungente il sapore è possibile diluire l’aceto in acqua e correggerlo con limone o miele. La dose consigliata è di due cucchiai al giorno. Chi ha lo stomaco irritabile o soffre di bruciori esofagei può assumere l’aceto i mele in pillole, che si trovano normalmente in commercio nelle erboristerie più fornite.
Combattendo la crescita eccessiva dei lieviti intestinali, che procurano fastidiosi gonfiori della zona addominale, l’assunzione costante di aceto di mele grezzo assicura ventre piatto e intestino sgonfio.

La funzione dimagrante dell’aceto di mele è legata al suo alto contenuto di pectina, che prolunga il senso di sazietà rallentando la digestione a livello dello stomaco e limitando il rilascio di grassi nel sangue.
Un’altra proprietà dell’aceto di mele è la sua alta efficacia diuretica, che consente di smaltire più facilmente i liquidi sottocutanei che costituiscono la principale causa di cellulite e antiestetici cuscinetti.

Dimagrire con l’aceto di mele può portare ad alcuni effetti collaterali

L’acidità dell’aceto di mele è talvolta mal sostenuta dalla mucosa dello stomaco e dalle pareti intestinali di persone che soffrono di particolare sensibilità intestinale. In questi soggetti, soprattutto quando assunto puro può causare bruciori di stomaco, nausea, problemi digestivi. E’ del tutto controindicato il suo utilizzo in caso di ulcera, perché potrebbe peggiorare la situazione.
Il prolungato e frequente utilizzo di aceto di mele puro può danneggiare, opacizzandolo, lo smalto dei denti. In particolare chi ha denti soggetti a frequenti scheggiature non dovrebbe utilizzare l’aceto di mele per curare le infezioni della bocca.