Come perdere peso con la dieta metabolica e lo schema dei 14 giorni

La dieta metabolica è un regime alimentare iperproteico, basato su uno schema di 14 giorni. Vediamo come funziona, quali sono i benefici e le controindicazioni.

chiudi

Caricamento Player...

La dieta metabolica è l’ideale per perdere peso in poco tempo. Si tratta di una dieta povera di carboidrati e ricca di proteine, che si basa sul cosiddetto “schema dei 14 gioni”. Sono previsti cinque pasti al giorno, a distanza di tre ore l’uno dall’altro: colazione, spuntino di metà mattina, pranzo, spuntino di metà pomeriggio, cena.

Il consumo di grandi quantità di proteine induce un il corpo nello stato metabolico della chetosi, durante il quale, per ricavare energia, non avendo carboidrati disponibili, brucia il grasso corporeo. Da qui il rapido dimagrimento. Ma vediamo meglio come funziona lo schema dei 14 giorni e quali sono tutti i pro e contro della dieta metabolica.

Dieta metabolica: schema dei 14 giorni

Dieta metabolica
FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/cibo-foodie-cuocere-in-forno-865102/

Come abbiamo anticipato, la dieta metabolica si basa sullo schema dei 14 giorni, durante i quali bisogna valutare la quantità di carboidrati necessari, che varia da persona a persona.

Nei primi 12 giorni, detti “fase di scarico” bisogna mangiare pochissimi carboidrati e molti grassi. Nei restanti due giorni, chiamati “fase di carico”, bisogna mangiare invece molti carboidrati, per reintegrare la quota glucidica e bruciare i grassi.

Terminata quella di valutazione, inizia la fase di dieta metabolica, che va avanti ad oltranza, ed è composta sempre da cinque giorni di scarico e due giorni di carico. È in questa fase che si iniziano a notare gli effetti positivi del regime alimentare metabolico.

Dieta metabolica: pro e contro

La dieta metabolica ha il vantaggio di accelerare il metabolismo, facendo perdere peso molto rapidamente, come accade con tutte le diete proteiche.

Tuttavia, le controindicazioni non mancano. Innanzitutto, è un regime molto ferreo, non facile da seguire sul lungo periodo. Possono inoltre presentarsi carenze alimentari, stitichezza e affaticamento dei reni.