Il caso di Denise Pipitone è ancora irrisolto, ma a quanto pare sta diventando oggetto d’attenzione per il Parlamento, dove potrebbe istituirsi una Commissione d’inchiesta.

Diciasette anni fa, la piccola Denise Pipitone è scomparsa a Mazara del Vallo, proprio davanti casa della nonna. I genitori non si danno ancora pace e mentre attendono  le valutazioni dell’autorità giudiziaria sull’eventuale prosieguo delle indagini in Sicilia, in Parlamento pare che qualcosa si muova.

Infatti, il caso arriva in Parlamento: nella commissione Affari costituzionali della Camera si avvia l’iter per l’Istituzione di una Commissione parlamentare d’inchiesta sulla scomparsa della piccola Denise Pipitone. La proposta è di iniziativa dei deputati del Pd Alessia Morani e del siciliano Carmelo Miceli, appoggiati poi trasversalmente da altri 30 deputati.

Il testo per l’apertura della Commissione parlamentare d’inchiesta, inerente al caso Denise Pipitone, era stato depositato a Montecitorio il 24 maggio scorso e da allora era in attesa di assegnazione.

Giovedì 2 dicembre è stata fissata la prima seduta in Affari costituzionali, con relatrice la deputata Elisa Tripodi (M5s). Morani e Miceli, lo scorso maggio, avevano annunciato la proposta della Commissione di inchiesta durante una conferenza stampa a Montecitorio a cui partecipò anche la mamma di Denise, Piera Maggio.

La mamma di Denise non si è mai arresa e proprio qualche giorno da, in un post su Facebook, ha ribadito a tutti la sua voglia di andare a fondo a tutta questa storia: “Vogliamo la vera verità, quella che per qualche ragione fatica ad emergere nonostante ci siano elementi importanti e incontrovertibili”

La scomparsa di Denise, una tragedia irrisolta

Era il primo settembre del 2004 a Mazara del Vallo: la piccola Denise Pipitone giocava vicino a casa, verso l’ora di pranzo, e qualcuno l’ha rapita e strappata ai suoi genitori.

Negli anni sono uscite fuori diverse piste, indizi esaminati e persone sospettate di essere implicate in qualche modo, ma ad oggi ancora non è uscita fuori la verità sulla sua scomparsa. La mamma Piera non si è mai arresa e continua, in modo irreversibile, a chiedere giustizia per la sua bambina, sperando di ritrovarla un giorno.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 30-11-2021


Nasconde il cadavere di una donna in valigia: condannato l’omicida seriale

Greta Baccaglia rivela: “Un uomo incappucciato mi ha toccato le parti intime”