Daniela Martani parla di chi sfrutta le tragedie per attirare attenzione

Daniela Martani, dopo il recente post che fece discutere sul terremoto di Amatrice, si scaglia contro coloro che usano le tragedie per attirare attenzioni.

chiudi

Caricamento Player...

Daniela Martani, ex concorrente del Grande Fratello e vegana convinta, attirò in maniera molto negativa l’attenzione del popolo italiano a causa di un infelice post pubblicato su Facebook, in seguito al devastante terremoto di Amatrice dello scorso mese di agosto. A pochissime ore dal terremoto che ha devastato le Marche ed è stato avvertito anche in molte altre regioni italiane, la Martani si è scagliata contro coloro che usano gli scivoloni in rete per creare delle vere e proprie gogne mediatiche.

Daniela Martani: “Gente spasmodica alla ricerca di scivoloni”

daniela-martani-fb

Queste le parole di Daniela Martani: “Gente alla spasmodica ricerca di scivoloni in rete scritti da qualcuno, affinché si attivi la gogna mediatica con relativi insulti e violenze. Questa è una vera vergogna”.

Daniela si riferisce chiaramente a quello che è stato il suo caso. A poche ore dal terribile terremoto di Amatrice, infatti, sul profilo dell’ex gieffina ora deejay, apparve una frase molto brutta: “Ma allora è il karma!”. Dopo aver ricevuto tantissime segnalazioni e minacce, l’ex gieffina denunciò il caso alla polizia postale, spiegando di non essere stata lei ad aver scritto il post e che il suo profilo era stato hackerato. La Martani ha anche precisato che mai avrebbe scritto qualcosa del genere in merito ad un’autentica tragedia.

Secondo l‘ex gieffina, l’episodio si sarebbe verificato mentre lei stava suonando durante una vacanza negli Stati Uniti, quando il suo computer sarebbe stato hackerato da un malintenzionato. Sebbene il caso non sia stato ancora risolto, la Martani avrebbe fornito agli inquirenti tutte le prove a sostegno della sua vicenda. Oggi Daniela si batte affinché casi simili non abbiano più luogo per nessun altro.

FONTE FOTO: FACEBOOK

FONTE FOTO ARTICOLO: FACEBOOK