Da Wall Street al porno, la storia di Paige

Paige, una ragazza americana come tante altre, trovava la sua vita lavorativa metodica e noiosa. Così a soli 23 anni ha deciso di mollare tutto per seguire la propria strada. Direzione porno.

La notizia ha fatto il giro del mondo. Tutti parlano di Paige e della sua scelta di lasciare il mondo degli affari per il mondo del porno. Nel suo profilo Twitter ha ammesso di aver lasciato spontaneamente il mondo degli affari sopraffatta dalla modularità del lavoro e perché la sua vena ‘artistica’ la portava a concentrarsi solo sul sesso.

Una Cenerentola moderna insomma. Già, perché la notizia ha preso la piega della favola. Paige, ragazza che ha realizzato il suo sogno trovando la forza di lasciare un posto di lavoro più sicuro.

Almeno questo è quello che vuole far sembrare. In realtà il suo profilo è cosparso di foto a dir poco maliziose e provocatorie mentre altre sono sfacciatamente finalizzate a quel mondo a cui lei tanto aspirava dietro quella scrivania così fintamente odiata.

Ognuno ha un sogno nel cassetto che ci consente di sopportare lo stress del lavoro. In realtà Paige, laureata in economia e assegnata alla sezione del banco d’affari Lazard di New York, è stata licenziata a seguito della scoperta degli scatti decisamente poco consoni ad un serio posto di lavoro.

Insomma, una vera e propria azione di marketing la sua, finalizzata a sponsorizzare semplicemente se stessa. E la rete ha fatto abboccare i pesci giusti, come il produttore del reality a luci rosse ‘The Sex Factor’ che l’ha contattata per il programma a Las Vegas. Il sesso vende. Nonostante la giovane età Paige sa bene come giocare le sue carte usando la rete come semplice passpartout per il mondo.

Per raggiungere la celebrità la maggior parte dei partecipanti al gioco della notorietà sfruttano ogni mezzo e internet sembra essere quello più veloce e diretto per ottenere i propri scopi. Forse i giovanissimi hanno meglio compreso rispetto gli adulti le potenzialità di questo strumento e lo sfruttano al massimo. Non ci sono controlli, se non noi stessi. I nostri valori, i nostri limiti. Un limite per Paige era evitare di citare il grande Steve Jobs nella realizzazione del suo sogno. Forse certe scelte più che la spettacolarizzazione avrebbero bisogno di maggiore intimità e forse di contegno.

Se vuoi altri aggiornamenti sul mondo femminile, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 21-01-2015

Redazione Donna Glamour

X