5 curiosità su Alessandro Cattelan: la moglie, le figlie e… i tatuaggi!

Scopriamo cosa c’è da sapere su uno dei conduttori più amati della TV, Alessandro Cattelan: le figlie, la vita privata e alcune curiosità!

Classe 1980, Alessandro Cattelan è un conduttore televisivo. Originario del comune di Tortona, ha esordito giovanissimo come dj ma ben presto è diventato uno dei volti più amati del piccolo schermo. Scopriamo cosa c’è da sapere su Alessandro Cattelan e sulla sua riservatissima vita privata, passando per alcune curiosità.

Tutte le curiosità su Alessandro Cattelan

– A Grazia ha dichiarato di non amare la vita mondana, e di adorare il silenzio della propria casa: “Non sono un mondano, amo la mia casa, i miei interessi, i miei amici. Al mio matrimonio c’erano 20 persone, al mio compleanno ce ne saranno meno di 10, se deciderò di festeggiare. Ho un cerchio chiuso di gente che amo e lo proteggo.”

ALESSANDRO CATTELAN
ALESSANDRO CATTELAN

– Ha 15 tatuaggi, tra cui uno raffigurante Gesù Cristo e un altro raffigurante Elvis Presley.

– In un’intervista a Vanity Fair ha rivelato che una volta avrebbe rubato un cartello stradale: “Una sera rubai un segnale stradale. Ho vissuto per anni con un senso unico sulla parete. Quando è arrivata mia moglie, ha preteso di frullarlo: In cambio ti regalo un armadio, ne hai bisogno.”

– È un tifo sfegatato dell’Inter.

– Il suo primo viaggio all’estero lo ha fatto con sua madre: “Il primo viaggio all’estero della mia vita, a Londra, l’ho fatto con lei. Una cosa un po’ da sfigato, ma un po’ sfigato e un po’ tamarretto di provincia, ero”, ha raccontato a Vanity Fair.

Alessandro Cattelan: Ludovica Sauer e le figlie

La moglie di Alessandro Cattelan è la modella Ludovica Sauer: i due hanno sempre tenuto la propria storia lontano dai riflettori. La coppia ha due figlie, Nina e Olivia, spesso protagoniste degli scatti su Instagram del papà. Sono convolati a nozze in gran segreto: c’erano solo i testimoni, i genitori e la loro piccola Nina, nata due anni prima.

Si sono conosciuti grazie a… una partita: “Nella pausa tra il primo e il secondo tempo l’ho adocchiata e mi sono avvicinato. Io non sono il vitellone che approccia le donne con un: ‘Ciao, come mai sei qui sola?’. Un po’ sono timido, un po’ mi vergogno. Ma con lei ho tirato fuori il coraggio, era troppo bella per lasciarsela scappare“, ha rivelato a Gioia Alessandro Cattelan.

ultimo aggiornamento: 05-09-2018

Alice Antonucci

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X