Cristina Parodi si racconta e parla dell’amore per Giorgio Gori

Al settimanale F, Cristina Parodi ha raccontato dell’infanzia e del suo rapporto con i genitori, oltre all’amore che la lega a Giorgio Gori.

chiudi

Caricamento Player...

Cristina Parodi ha rilasciato un’intervista al settimanale F, a cui ha parlato del grande amore che la lega ai genitori e della sua infanzia, soffermandosi anche sull’amore che da 30 anni la lega a suo marito Giorgio Gori. In primis, la famosa giornalista si è concentrata sul rapporto con la famiglia: “Ero una bambina molto felice. Soprattutto quando andavamo tutti insieme a Carpeneto, nel Monferrato. Era la casa dei miei trisnonni e ancora oggi è un luogo che mi ricorda mio padre e mi sta molto a cuore […] Mia madre Laura è una donna tosta, meravigliosamente tosta, di quelle che si fanno sentire. A volte rompiscatole, ma con profondi valori: la amo moltissimo”.

Cristina Parodi su Giorgio Gori: “Non vorrei nessun altro uomo accanto a me!”

Cristina Parodi Instagram
FONTE FOTO: instagram.com/criparodi1

La Parodi ha espresso parole d’amore anche nei confronti di Giorgio Gori, suo marito da anni: “Da una trentina di anni c’è un signore che si chiama Giorgio, che mi riempie la vita. È la persona con cui sto più volentieri e con cui sto meglio. Non vorrei avere nessun altro uomo al mio fianco”.

Già nei mesi scorsi la Parodi aveva parlato del suo amore per Gori: “Non siamo certo la famiglia sempre con il sorriso sulla bocca come quelle che si vedono nelle pubblicità. Giorgio e io ci siamo sposati il 1° ottobre del 1995, dunque sono quasi 21 anni, anni costellati anche di difficoltà, di sacrifici e di tanta, tantissima pazienza. Per far funzionare le cose, a qualsiasi livello, d’altronde ci vuole molto impegno e un progetto comune. Oltre che, ovviamente, un grande amore. Però, stando insieme tanto tempo, non è che si possa pretendere che fili sempre tutto liscio. Specialmente se hai tre figli, le “grane”, così come le soddisfazioni, sono all’ordine del giorno”.

Anche come mamma è molto soddisfatta, provando tanta ammirazione ed orgoglio per i suoi tre figli: “Benedetta, Alessandro e Angelica, i miei tre figli. Sono venuti su bene nonostante io abbia sempre lavorato come una matta, combattendo”.