Cristiano Malgioglio contro Naomi Campbell, ecco perché

L’autore di canzoni Cristiano Malgioglio si è sfogato contro la modella Naomi Campbell a causa di un aneddoto del passato.

chiudi

Caricamento Player...

Cristiano Magioglio, tra i più prolifici e famosi autori della canzone italiana, è stato ospite di Massimo Giletti a L’Arena, facendo un’incursione a sorpresa durante un’intervista a Mara Venier. L’argomento di discussione riguardava gli ospiti speciali del Festival di Sanremo, con la Venier che ricordava quanto fosse stato difficile averla come ospite visto il suo cachet stellare e, soprattutto, considerando il fatto che cercava di non rispondere alle domande che le venivano rivolte. In particolare, Malgioglio ha ricordato un episodio spiacevole legato alla bellissima modella.

Cristiano Malgioglio: “Naomi mi sputò su una scarpa!”

Naomi Campbell criticata da Cristiano Malgioglio
FONTE FOTO: facebook.com/NaomiCampbell

Malgioglio ha ricordato un episodio per lui piuttosto spiacevole legato alla modella: Naomi Campbell mi aveva sputato su una scarpa durante una sfilata di moda, non mi ricordo di chi. Lei non è un personaggio che io amo molto, quando successe mi sono arrabbiato. Parlai in inglese con lei, un inglese perfetto, glielo dissi: “Tesoro, mi devi pulire le scarpe”. Alla fine me l’ha pulita il suo segretario!”.

In realtà, Malgioglio ha anche parlato dei suoi rapporti con la Venier, raccontando del loro litigio: “Io conosco Mara da una vita, siccome le voglio molto bene a volte noi litighiamo, però dopo una settimana passa. Adesso lei mi ha tolto il saluto per sei mesi, non so perché. Poi l’ho incontrata al mercato, mi ha abbracciato e si è dimenticata tutto. Mara è una donna molto verace, se ti deve dire qualcosa te la dice in faccia perché è molto genuina, ha una sensibilità incredibile. Io mi sono messo a piangere, poi mi ha perdonato”. 

La replica della Venier è stata tutt’altro che di conferma, ma Giletti ha preferito chiudere l’argomento, rimandando il chiarimento tra i due a data da destinarsi.