Costantino Vitagliano, i ladri gli svaligiano casa: le dichiarazioni dell’ex tronista

Alcuni ladri hanno svaligiato la casa di Costantino Vitagliano a Milano. L’ex tronista ha parlato della faccenda a La Vita in Diretta.

chiudi

Caricamento Player...

Continua l’ondata di vip derubati dai ladri nelle proprie abitazioni. Stavolta è Costantino Vitagliano, ex tronista di Uomini e Donne, ad aver denunciato il furto subito nella sua casa. L’ex pupillo di Maria De Filippi ha raccontato la sua esperienza con i ladri a La Vita in Diretta, apparendo davvero molto scosso e rivelando che per fortuna in casa non c’era la sua bambina.

Costantino Vitagliano: “Se ci fosse stata mia figlia, avrei potuto fare qualcosa di brutto!”

Costantino Vitagliano fb
FONTE FOTO: facebook.com/costantino.vitagliano.official

Evidentemente turbato, Costantino Vitagliano ha raccontato: “Hanno svaligiato casa mia. Sono entrati dei ladri dal corridoio del mio condominio, hanno aperto il lucernaio esterno e dal terrazzo sono andati a sradicare completamente la finestra… per poi rubare vestiti, soldi in contanti, assegni. Ma hanno portato via solo alcune cose, non tutte”.

L’ex tronista ha proseguito poi il suo racconto: “Più che altro è stato uno sfregio vero e proprio, mi hanno voluto rompere casa. Son stati dentro casa anche un bel po’, hanno avuto il tempo di organizzare tutto quanto. Cosa dobbiamo fare noi proprietari? Come possiamo difenderci? Non so cosa avrei fatto se fossi stato in casa. Meno male che ero fuori, perché sentendo i servizi di questi giorni non so cosa avrei potuto fare. Se con me ci fosse stata mia figlia piccolissima penso che avrei reagito in un modo di difesa. Avrei potuto fare qualcosa di brutto”.

Nei giorni scorsi era stato Francesco Facchinetti, figlio di Roby Facchinetti, a riversare sui social la sua rabbia per i ladri entrati nella casa di suo padre, Roby Facchinetti. Il conduttore e DJ ha sostenuto la validità della legittima difesa in casi estremi come quello toccato a suo padre e alla sua famiglia, con i ladri piombati in casa mentre tutti erano presenti, di domenica mattina alle 11:30.