Correre per dimagrire di più con l’effetto afterburn

Lo sport più adatto per dimagrire è la corsa: correndo regolarmente si innesca l’effetto afterburn e il corpo brucia sempre calorie

chiudi

Caricamento Player...

Tra tutti gli sport, quello più utile per dimagrire e perdere massa grassa è la corsa. Prendere l’abitudine di andare a correre accelera il metabolismo e snellisce immediatamente la silhouette.

Leggi anche: Dimagrire mangiando cibi speciali

Effetti della corsa, oltre a essere immediati sul fisico, si vedono anche a lungo andare se si è costanti in questo sport, perchè si innesca un meccanismo virtuoso che permette al corpo di dimagrire anche quando non è sotto sforzo.

Con una corsa costante, l’organismo provvederà ad autoregolarsi e ci predisporrà a consumare carboidrati in preparazione alle sedute di corsa, proteine nella fase di recupero, verdura e frutta per il normale sostentamento quotidiano.

Questo meccanismo che agisce nel nostro corpo si chiama “effetto afterburn”, ovvero rappresenta le calorie che vengono bruciate anche dopo l’allenamento, nella normale routine quotidiana.

Come spiega il campione olimpico Stefano Baldini nel suo libro:

“Una delle meraviglie del nostro corpo  è che continua a lavorare per noi anche quanto riposiamo. Grazie alla corsa il metabolismo cresce in media di circa il 20 per cento e l’organismo continua a bruciare grassi persino mentre si dorme, arrivando addirittura a consumarne 10 grammi all’ora. Insomma, il segreto è quello di mantenere in allenamento la propria macchina brucia grassi; a quel punto ci pensa lei a non spegnersi più. Quando una persona corre, brucia i grassi. Se ne vanno, in particolare, quelli dei muscoli perchè la corsa pone il fisico in attività aerobica, ovvero fa lavorare il cuore fra i 120 e 140 battiti al minuto. Sopra la soglia anaerobica, invece, si consumano gli zuccheri perché l’organismo recluta energia che vanno spese velocemente. Una persona che corre, priva di qualsiasi allenamento, brucia in media 0,1 grammi di grassi ogni mezzo secondo. Bastano, però, quattro settimane di attività e le quantità si fanno più interessanti: il corpo brucia 5 grammi ogni mezzo secondo, una misura sempre piccola ma che è già 50 volte superiore quella iniziale. Quando le settimane diventano dodici, il corpo brucia 25 milligrammi ogni mezzo secondo”.