Bacche di goji: le controindicazioni

Le proprietà delle bacche di goji hanno numerosi effetti benefici sull’organismo, ma è altrettanto opportuno conoscere quali sono le controindicazioni.

chiudi

Caricamento Player...

Le bacche di goji sono un frutto rosso originario degli altopiani asiatici. Possono essere acquistate sotto forma di capsule o di bacca essiccata, il sapore è simile a quello dell’uvetta. Sono molto utili per la regolazione del sistema immunitario, e contro l’invecchiamento cellulare.

Bacche di goji
Bacche di goji

Bacche di Goji controindicazioni

Chi soffre di allergia a vari pollini non dovrebbe assumere bacche di goji per evitare crisi respiratorie, vertigini, orticaria, vomito e nausea. Allo stesso modo chi risulta intollerante a frutti e ortaggi della famiglia delle Solanacee dovrebbe evitarle poiché appartengono a questa stessa famiglia.

Le bacche di goji contengono forti dosi di atropina, un alcaloide in grado di diminuire la secrezione salivare, rallentare l’attività intestinale causando stipsi, riduzione della minzione e della sudorazione oltre a tachicardia e offuscamento della vista.

Il consumo è anche fortemente sconsigliato alle donne intenzionate a cominciare una gravidanza a causa del selenio in esse contenuto in grosse quantità e che avrebbe effetti dannosi sulla fertilità femminile. Anche durante la gravidanza e l’allattamento è consigliato cessarne il consumo per evitare manifestazioni di intolleranze nel bambino.

È sconsigliato l’assunzione a chi fa uso di farmaci curativi dell’ipertensione, in quanto le bacche tendono ad abbassare la pressione sanguigna. Anche la combinazione con anticoagulanti può comportare emorragie ed ecchimosi gravi.

Anche i diabetici dovranno essere molto parsimoniosi nell’assunzione, esse comportano un abbassamento dei valori glicemici nel sangue, pertanto in sinergia con l’insulina possono portare ad episodi di ipoglicemia con conseguente nausea e perdita dei sensi.

Coloro che assumono farmaci per la normalizzazione dei valori metabolici relativi al fegato dovrebbero astenersi dal consumo di bacche di goji perché esse rallentano la velocità di metabolizzazione dei farmaci inficiando pericolosamente i risultati della cura che il paziente sta seguendo.

Bacche di goji dose giornaliera

È consigliato assumere le bacche lontano dai pasti e possibilmente non di sera. La quantità consigliata e di circa 30 g al giorno (un pugnetto), per i bambini invece meglio non superare i 10 g.

Se assunte invece in forma di capsule la quantità da assumere non deve andare oltre le 1 o 2 al giorno, in quanto si tratta di un estratto concentrato.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/gamma-goji-cibo-è-super-1327426/