Controindicazioni del sale integrale

Tutte le controindicazioni del sale integrale: sconsigliato se si soffre di ipertiroidismo o in caso di problemi renali data la scarsa concentrazione di sodio.

chiudi

Caricamento Player...

Il sale marino integrale è considerato un ottimo alimento in cucina. Viene raccolto a mano nelle saline e fatto asciugare al sole. Non venendo quindi lavorato e raffinato riesce a mantenere tutti i suoi principi nutritivi. Una delle caratteristiche principali del sale integrale è l’essere ricco di oligoelementi, quali: stronzio, iodio, fluoro, manganese, argento e boro. Inoltre contiene ben 70 minerali che sono essenziali per la salute del nostro organismo. Tra questi ci sono il calcio, lo zolfo, il magnesio, il potassio e il ferro.

Controindicazioni del sale integrale: prima di inserirlo nella propria dieta consultare il proprio medico se si soffre di determinate patologie.

Il sale integrale essendo ricco di iodio può apportare dei benefici all’organismo, ma allo stesso tempo ha delle controindicazioni. Lo iodo è essenziale per la sintesi degli ormoni tiroidei e una sua carenza può causare l’ipotiroidismo. Chi soffre, invece, di ipertiroidismo dovrebbe stare alla larga dal sale ricco di iodio. Inoltre, il sale integrale se consumato in eccesso potrebbe interferire con alcuni medicinali che si stanno assumendo per determinate patologie. Si consiglia, dunque, di consultare il proprio medico prima di scegliere un sale dietetico da inserire nella routine alimentare.

Il sale marino integrale, essendo ottenuto per semplice evaporazione dall’acqua di mare, contiene una concentrazione ridotta di sodio. Molto raramente si può soffrire di carenze di sodio e quindi avere necessità di introdurne maggiormente con la dieta. Se si arriva a questo stato di salute è propabile che si sia seguita una dieta iposodica o che si abbiano delle lesioni renali o da diarrea cronia. Spesso tutte questi fattori sono legati tra loro. Una carenza di sodio comporta l’alterazione della conducibilità nervosa e dell’equilibrio acido base.

Fonte immagine copertina: SalediTrapani