Le confessioni di Ruby: “Ho tentato il suicidio”

Ruby, la ragazza marocchina coinvolta nello scandalo che vede imputato Silvio Berlusconi, racconta la sua verità in una intervista a “Diva e Donna”.

chiudi

Caricamento Player...

Ruby, la ragazza coinvolta nello scandalo a sfondo sessuale che ha portato a processo l’ex Primo Ministro Silvio Berlusconi (condannato in primo appello a sette anni di reclusione), parla in una intervista a “Diva e Donna” dove racconta la sua verità sulla vicenda e dove fa una confessione choc: avrebbe cercato di togliersi la vita prima di rimanere incinta.

La marocchina, diventata mamma della piccola Sofia, si dice scoraggiata per quanto riguarda l’esito dell’appello, definendo “una bufala” l’intero iter giudiziario e affermando che a suo parere la verità non verrà mai a galla. Rigetta poi le accuse di chi diceva che avesse intenzione di fuggire in Messico, ribadendo la volontà di rimanere in Italia almeno fino a quando non ci sarà una sentenza definitiva su tutta la faccenda.

Ruby poi, racconta un qualcosa di sorprendente:

“Non l’ho mai raccontato ma una volta, prima di rimanere incinta, ho avuto un crollo. Mi sono sentita sola, abbandonata a me stessa e ho pensato di farla finita. Anzi, ci ho anche provato. Sono finita all’ospedale. Sentivo il mondo contro di me. Contro Ruby, il mostro. Poi è nata Sofia: la mia bambina mi ha dato la forza di andare avanti”.

In conclusione Ruby afferma di essere contenta per la nuova fidanzata di Silvio Berlusconi, Francesca Pascale, e di stimare molto l’attuale capo del governo italiano, Matteo Renzi, giudicato da lei come l’unico in grado di sostituire l’ex-Cavaliere.