Confessione choc di Lando Buzzanca: “Mi prostituivo per 300 lire”

Lando Buzzanca, attualmente protagonista di alcune fiction di successo, racconta gli inizi della sua carriera e le enormi difficoltà che ha dovuto superare.

Lando Buzzanca è stato un volto noto delle commedie sexy anni settanta, quelle tipiche all’italiana, mentre adesso a quasi ottant’anni è diventato un apprezzatissimo attore di fiction. “Io e mio figlio”, “Capri”, “Terra Ribelle” e “Lo scandalo della Banca Romana” sono quelle più conosciute. Quasi nessuno però sapeva che l’attore ha avuto un passato difficile da giovane, come lui stesso ha raccontato in una intervista concessa a “Off”. Lando Buzzanca infatti ha ammesso di essersi addirittura prostituito:

“Qualche volta a Roma andavo al cinema Odeon di piazza della Repubblica, perché mi avevano detto che c’era sempre qualche donna sui quaranta in cerca di ragazzi più giovani. L’ho fatto soltanto per mangiare e dormire. Mi presentavo come un universitario che non poteva dedicare loro più di un’ora a causa di un esame imminente. Mi davano 250 o 300 lire. Una volta sono stato scelto da una signora strabica, ma con un corpo di una bellezza disarmante. Dopo aver fatto l’amore, quando cercavo il pretesto per intascare i soldi e andare via, mentre cercavo di uscire dalla stanza dell’hotel nel quale mi portò, tirò fuori una pistola. Mi sono detto che se volevo far l’attore dovevo levarmi da quell’imbroglio”.

Evidentemente la strada per il successo passa anche da cose del genere.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 14-10-2014

Donna Glamour

X