Come fare sapone liquido in casa

Realizzare del sapone liquido in casa è molto semplice, inoltre si risparmia e ricicla insieme!

Il sapone liquido finisce spesso e il suo costo non è economico? Perché allora non farlo “home made”, a costo pressoché zero?

Ecco, dunque, come da una semplice saponetta (che tutti hanno in casa) è possibile fare del sapone liquido in casa.

Se la saponetta in uso è molto consumata, a metà, può diventare un’ottima base di partenza per realizzare del sapone liquido risparmiando e riciclando: basta scegliere la saponetta che si desidera al fine di fare del sapone liquido in casa a uso specifico (ad esempio se la saponetta è specifica per il viso, anche il sapone liquido che da essa sarà creato potrà essere usato per la pulizia del viso, se la saponetta è antibatterica, il sapone liquido da essa creato sarà utile in bagno o in cucina, e così via).

Dopo la scelta della saponetta la prima operazione pratica consiste nel grattugiarla il più possibile al fine di ottenere circa 230 gr di fiocchi di sapone.

A questo punto i fiocchi di sapone devono essere frullati con acqua bollente, circa 235 ml, sino ad ottenere una pasta. Alla soluzione va quindi aggiunta della glicerina (un cucchiaio) per idratare la pelle una volta ottenuto il sapone.

Se la base di partenza è una saponetta neutra, dopo l’aggiunta di glicerina si possono aggiungere:

del miele che rende il sapone più delicato;

olii essenziali per profumarlo;

olio di lavanda per far diventare il sapone antibatterico;

coloranti per alternarne il colore.

Personalizzato così il sapone è il momento di dargli consistenza continuando a frullare fino al suo completo raffreddamento.

Infine, terminata questa operazione il sapone liquido ormai formato va versato in contenitori a pompa con un imbuto. Il sapone liquido eventualmente avanzato può essere conservato in bottiglie.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 20-11-2014

Donna Glamour Guide

X