Come risparmiare sul riscaldamento: alcuni consigli per evitare sprechi

L’inverno non è ancora finito, non è troppo tardi per risparmiare sul riscaldamento! Ecco qualche idea per spendere meno.

Per evitare che le bollette del gas incidano troppo sul bilancio famigliare, possiamo utilizzare qualche  accorgimento per ottimizzare i consumi e ridurre gli sprechi.

a) Installare valvole termostatiche – vanno applicate sui radiatori e possono essere regolate in base alle esigenze di ciascun utente pagando solo il calore effettivamente goduto. Grazie alle valvole si può regolare la temperatura di ogni singolo locale per sfruttare anche gli apporti gratuiti di energia: per esempio quelli dovuti alla presenza di persone, al funzionamento di elettrodomestici, all’irraggiamento solare. Le valvole regolano l’afflusso di acqua calda in base alla temperatura scelta sull’ apposita manopola che offre una serie di gradazioni che vanno dalla posizione di antigelo alla posizione 5 (corrispondente a circa 23-24 gradi).La valvola termostatica permette di risparmiare sul riscaldamento mantenendo la temperatura ambiente al valore desiderato, controllando gli apporti di calore. Si consiglia di impostare una regolazione più bassa nelle camere da letto e una più alta nei bagni, oppure lasciare tutti i radiatori sul minimo quando non si è in casa.

b) Temperatura della casaè opportuno mantenere una temperatura non superiore ai 20°, fissata tra l’altro anche da una normativa nazionale. Questo valore viene riconosciuto come ottimale per la nostra salute durante l’inverno; pertanto oltre a risparmiare sul riscaldamento si avrà un beneficio per la salute, evitando di sottoporre il nostro fisico a sbalzi termici dannosi e si eviterà di inquinare inutilmente l’ambiente.

 c) Utilizzare un cronotermostatose avete un impianto autonomo potete controllare e gestire gli orari in base alle vostre esigenze. Razionalizzare i tempi di accensione e spegnimento della caldaia è fondamentale per evitare che il riscaldamento venga acceso quando non c’è nessuno in casa. Inoltre con le possibilità che ci offrono i nuovi sistemi di automazione domestica (domotica), si può controllare il funzionamento della caldaia tramite il cellulare o via Internet.

d) Circolazione dell’ariai radiatori devono avere la possibilità di rendere al massimo, per questo è indispensabile privarli di mensole, copritermosifoni o mobiletti che impediscono all’aria di circolare senza ostacoli.

Per mimetizzare il radiatore potete dipingerlo del colore della parete: potrete così sia risparmiare sul riscaldamento che migliorare l’estetica della stanza. Se avete delle tende che cadono sui termosifoni, ricordatevi di scostarle o di alzarle. Aprite le finestre soltanto il tempo che serve per il ricambio dell’aria, bastano pochi minuti e si evita di sprecare energia.

e) Manutenzione impiantoricordatevi che una caldaia efficiente può farvi risparmiare sul riscaldamento anche fino al 30%. E’ importante quindi far controllare l’impianto annualmente, magari prima del periodo dell’accensione, in modo da intervenire in anticipo in caso di problemi .

Se avete intenzione di cambiare la caldaia, affidatevi ad un impianto a condensazione di ultima generazione, che recupera anche parte del calore latente dei fumi di combustione, o installate una pompa di calore che può farvi risparmiare sul riscaldamento un ulteriore 40%,

f) Sostituzione serramentiun serramento vecchio o in cattivo stato è sempre fonte di dispersione energetica: anche a serramento chiuso potete accorgervi facilmente di quanti “spifferi” d’aria fredda oltrepassano la vostra finestra, per non parlare poi dei vetri che sono, di fatto, quasi una “finestra aperta” all’ingresso del freddo. Potete pensare di risparmiare sul riscaldamento sostituendo gli infissi di casa adottando quelli a doppi o tripli vetri, che riducono le perdite di calore. E’ importante sapere che la Legge di stabilità 2015 ha prorogato al 31 dicembre 2015 la detrazione fiscale per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, nella misura del 65%, da spalmare in dieci rate annuali di pari importo. Le detrazioni sono riconosciute anche per le spese sostenute per il miglioramento termico dell’ edificio: pavimenti ,coibentazioni, finestre comprensive di infissi.

g) Controllo radiatori ricordatevi di sfiatare sempre i termosifoni: l’aria in eccesso riduce l’efficienza del radiatore. Per farla uscire è sufficiente svitare poco per volta l’apposita valvolina che si trova dalla parte opposta della manopola di apertura e chiusura, fino a quando al posto dell’aria non uscirà l’acqua in modo uniforme. Al termine dell’operazione la valvola deve essere richiusa. Con questa azione, in alcuni casi, potrebbe diminuire la pressione dell’impianto, ma solitamente gli impianti di riscaldamento moderni compensano in modo automatico la perdita di pressione.

Qualora non fosse così, la perdita di pressione va compensata manualmente, seguendo le istruzioni della caldaia. E’ importante ricordarsi di eseguire questa piccola operazione di controllo dei termosifoni, almeno una volta all’inizio del periodo di accensione e, se volete, a metà inverno.Se non ve la sentite di effettuare questa manovra da soli, potete approfittare del tecnico durante il controllo annuale della caldaia prima dell’inizio della stagione invernale.

E’ importante anche tenere i caloriferi sempre puliti, rimuovendo la polvere che si deposita tra gli elementi.

ultimo aggiornamento: 11-02-2015

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X