Come pulire l’ottone Louis Vuitton

L’ottone è un materiale simile all’oro lucido, brillante e gradevole alla vista.

Presente in molti oggetti del famoso marchio Louis Vuitton, la difficoltà, però, sta nel come pulirlo una volta che, passato del tempo dall’acquisto, perde di bellezza e lucentezza.

Non è così complicato da pulire: l’importante è non usare prodotti aggressivi che possono danneggiare l’ottone e quindi rovinare l’intero oggetto firmato Louis Vuitton.

Un metodo di pulizia efficace è lucidare l’ottone con sale e aceto, ma non utilizzando spazzole o carta vetrata che raschierebbero l’oggetto.

Se occorre pulire piccole parti d’ottone macchiate, ad esempio parti removibili di una borsa o di un gioiello, per risparmiare tempo si possono immergere e lasciare “a mollo” per tre o quattro ore in un miscuglio di acqua tiepida e detersivo per piatti.

Per la lucidatura è utile il succo di limone o l’aceto mischiati al sale da cucina: con la pasta ottenuta e l’ausilio di una spugnetta si può iniziare a lucidare l’oggetto riportandolo allo splendore iniziale.

Se, al contrario, gli oggetti in ottone sono grandi o non è possibile smontarli, bisogna procedere in maniera diversa: mescolando mezzo bicchiere di aceto o succo di limone con il sale da cucina e il detersivo per piatti si otterrà un perfetto miscuglio che, una volta lasciato agire sulla superficie e poi lavato via e asciugato con un panno morbido, ridarà lucentezza all’ottone.

Nel caso in cui l’ottone sia ricoperto da vernici bisogna agire più delicatamente: l’unica cosa da fare è spolverare e lavare con sapone asciugando non troppo energicamente.

ultimo aggiornamento: 15-01-2016

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X