Come masturbarsi in silenzio

La discrezione non è il nostro forte? Siamo abituate a godere rumorosamente e non riusciamo a trovare un metodo per masturbarsi in silenzio?

chiudi

Caricamento Player...

Beh, innanzitutto chiariamo che non è necessario emettere gemiti di piacere per provare a noi stesse che stiamo effettivamente provando del piacere.

Certo, c’è chi lo fa perché in questo modo aumenta l’eccitazione, ma c’è anche chi lo fa perché è abituata a partners pretenziosi che non sentendo urla di godimento, credono che la donna non stia godendo affatto. Questo preconcetto porta molte di noi ad associare il grido o l’esclamazione – siano anche profondi gemiti – alla convinzione di star apprezzando le sensazioni che stiamo provando.

Avete, invece, mai provato a concentrarvi solo su voi stesse? Non è difficile, anziché esternare ciò che sentiamo, proviamo ad interiorizzarlo. Questo è sicuramente il metodo migliore.

Certo, per chi è abituata a sentirsi e a farsi sentire nel mentre non sarà facile. Ci si può inizialmente aiutare con un cuscino, premendolo leggermente sulla bocca, ma questo serve per lo più ad evitare che qualcun altro ci senta. Che sia questo o no il problema principale, tentiamo realmente di concentrarci su noi stesse e a pensare a quali sono i punti che ci provocano più brividi, anziché praticare macchinalmente quell’autoerotismo a cui siamo ormai ultra abituate.

Una volta raggiunto l’apice, cerchiamo di fare nostro il potere dell’orgasmo, di modo da sentirlo realmente, senza – appunto – esternare eccessivamente il nostro giubilo. In questo modo il piacere che proverem0 sarà mille volte più intenso, grazie al potere della mente!