Come masturbarsi con una penna

In quanti modi ci si può masturbare? In tutti quelli che la nostra fantasia ci suggerisce. Anche con una semplice penna.

chiudi

Caricamento Player...

La masturbazione femminile non è limitata soltanto alla stimolazione di vulva e clitoride con le dita o i polpastrelli, ma una volta presa confidenza col proprio corpo si può decidere di applicare alcune ‘varianti’ che ci aiuteranno a raggiungere l’orgasmo in maniera ancora più intensa.

Molte donne fanno uso di un dildo, una sorta di pene di gomma dalle forme più disparate, di mini-vibratori quali la farfalla o il coniglietto, che inseriscono nella vagina continuando però a stimolare il clitoride con le dita. Altre fanno ricorso ad oggetti di uso comune, quali il cuscino, la gamba del letto o della sedia a cui si sfregano per ottenere piacere, o il manubrio della doccia, che spesso unito al getto d’acqua calda o all’idromassaggio consente loro di raggiungere l’orgasmo in maniera molto piacevole.

Anche masturbarsi con una penna è una pratica molto diffusa, specie tra le adolescenti, ma per farlo bisogna avere qualche accortezza: innanzitutto, se si usa una penna sottile, tipo biro, fare attenzione a togliere il cappuccio: una volta inserita la penna nella vagina esso potrebbe sfilarsi e ‘perdersi’ al suo interno. Se si usa una penna di un diametro maggiore, ve ne sono anche di quattro o cinque centimetri, la possiamo usare come fosse un dildo (specie se il suo esterno è in gomma) tenendola comunque bene alla base. Se essa avrà una superficie con un motivo a rilievo, avrà un maggiore effetto stimolante, e così se sarà in acciaio: la sua temperatura più fredda rispetto a quella del nostro corpo stuzzicherà in maniera particolare i nostri sensi.

Se si è vergini, meglio non fare uso della penna, in quanto potrebbe causare la perforazione dell’imene. Oppure, se la si vuole usare, meglio servirsene per stimolare il clitoride, oppure ponendola lungo l’apertura della vagina e tenerla stretta serrando le gambe, in modo tale da ‘sentirla’ dal clitoride all’ ano senza però farla penetrare. Il piacere sarà intenso e assicurato.