Come disinfettare lo spazzolino da denti

Lo spazzolino da denti è il più fedele alleato del nostro sorriso smagliante. Cambiarlo ogni tre mesi già lo facciamo. Ma come disinfettare lo spazzolino?

chiudi

Caricamento Player...

Lo spazzolino da denti è il primo utensile che utilizziamo al mattino e l’ultimo che utilizziamo la sera. Un fedele amico, insomma.

E come un amico, ha bisogno di cure. Innanzitutto di essere cambiato almeno ogni due o tre mesi, e sopratutto deve essere disinfettato.

Usando sempre il coprispazzolino, intanto, già gli diamo una mano a proteggersi, ma come agire in modo più incisivo? Si può fare con acqua e candeggina, lasciandolo in ammollo per un’intera notte.

La mattina seguente per disinfettare lo spazzolino lo si deve quindi sciacquare accuratamente con acqua calda per togliere i residui di candeggina.

Più semplice è l’uso di bicarbonato. Il suo effetto disinfettante è arcinoto: toglie ogni residuo di batteri e germi.

Ultimo ma non meno importante: l’acqua ossigenata. Lasciare riposare un intera notte in un bicchiere, coprendo di acqua ossigenata la testa dello spazzolino fino alle setole.

Se non volete ricorrere a metodi casalinghi, nei supermercati e nelle farmacie sono in vendita appositi disinfettanti, come l’amuchina, o per gli utensili dei bambini.