Colpo di fulmine esiste anche nella vita reale e non solo nei film

Le commedie americane ci hanno portato a sperare nel colpo di fulmine. Poi la vita, spesso ci ha bastonati. Di lì, il cinismo: non può esistere l’amore a prima vista. Oggi la scienza ci dice esattamente il contrario. Dobbiamo crederci.

chiudi

Caricamento Player...

Il colpo di fulmine ha agguantato, almeno una volta nella vita, uomini e donne. A volte corrisposto, a volte no. A volte un giusto segnale, a volta pura fantasia. Quante volte ci siamo detti “mica è un un film hollywoodiano!”. Eppure qualcuno quel film lo ha scritto, e spesso riportando alla mente qualcosa di vissuto. La scienza interviene sul tema e ne spiega gli effetti. E’ Stephanie Ortigue, docente della Syracuse University (USA) a confermare che si possono provare sentimenti di amore già 0,2 secondi dopo il primo contatto visivo. Secondo l’esperta, il colpo di fulmine invade dodici aree del cervello (individuate con risonanza magnetica funzionale) che entrano in sinergia per rilasciare sostanze chimiche come dopamina, ossitocina, adrenalina e vasopressine. Il tutto per un risultato euforico che si può pienamente definire “amore a prima vista”.

A supporto di quanto esposto dalla Ortigue, arriva un secondo studio, coordinato da Helen E. Fisher, presso l’Istituto Kinsey, e pubblicato sul Journal of Physiology. La ricerca conferma, non solo che l’amore a prima vista esiste, ma anche che ha a che fare biologicamente e teologicamente con la prosecuzione della specie. “Anche l’amore a prima vista è una risposta dei mammiferi che si sviluppa in altri animali e che i nostri padri ereditarono per accelerare il processo di accoppiamento” ha dichiarato la Fisher.

Il primo sguardo, in caso di colpo di fulmine, secondo gli psicologi Mylene Bolmont, John T. Cacioppo e Stephanie Cacioppo, in base allo studio condotto presso l’Università di Ginevra, è una vera e propria tempesta. “Un complesso stato mentale emotivo che coinvolge quattro dimensioni: chimica, conoscenza, preferenza e intenzione di stare con quella persona”, spiega Stephanie Cacioppo. Tradotto nella vita reale, però, solo una coppia su 10 passano dal colpo di fulmine al legame duraturo. Lo sostiene Ayala Malack-Pines, psicologa della Ben-Gurion University (Israele), nel suo libro Falling in Love.