Cicciolina condannata ad un anno di reclusione, ecco perché

L’ex attrice a luci rosse Cicciolina è stata condannata ad un anno di reclusione a causa di un episodio medico risalente al 2011.

chiudi

Caricamento Player...

L’ex attrice hard Ilona Staller, 65 anni, a tutti nota come Cicciolina, è stata condannata ad un anno di carcere dal giudice monocratico di Roma con l’accusa di tentata truffa ai danni di una assicurazione. L’episodio risale al 2011 quando Cicciolina si è presentata al pronto soccorso dell’ospedale Villa San Pietro con una ferita alla mano. In quell’occasione sostenne di essere stata morsa da un cane ma, dopo le prime cure, rifiutò di sottoporsi all’antitetanica.

Cicciolina nega il suo coinvolgimento nella truffa

Ciccolina fb
FONTE FOTO: facebook.com/comedyitalia

L’ex attrice a luci rosse, alcuni mesi dopo, ha chiesto un risarcimento danni alla propria assicurazione presentando un certificato medico che stabiliva la sua inabilità al lavoro per circa 3 mesi. La società di assicurazioni, dopo opportune verifiche, ha stabilito che il certificato medico era stato firmato da Giancarlo Strani, oggi condannato a 6 mesi, il cui nome, però, non compariva tra coloro iscritti all’Ordine dei medici. Pertanto, la società di assicurazioni ha presentato una denuncia a carico della Staller e del medico per tentata truffa.

Dal canto suo l’attrice ha sostenuto di essere stata ingannata dal finto dottore, negando di aver realizzato un imbroglio ai danni della compagnia di assicurazione.

Ricordiamo che all’inizio del mese di aprile 2017, il nome di Cicciolina è balzato di nuovo agli onori delle cronache a causa di un episodio avvenuto a Domenica Live, dove l’ex pornostar era stata invitata per commentare, insieme con il figlio Ludwig Koons, le sue recenti dichiarazioni sull’esiguità del suo vitalizio – 2000 euro netti al mese – e dell’impossibilità di mantenere il figlio con tale cifra.

Nel corso dell’intervista l’ex pornostar, sempre fedele al look che l’ha resa celebre tra gli anni Settanta e Novanta, ha lamentato di non aver mai partecipato ad un reality perché «in Italia lavorano soltanto quelli che conoscono»… Da lì è nata una rissa tra l’avvocato di Cicciolina Luca Di Carlo e il giornalista Facci, protagonisti di una discussione quasi degenerata in mani addosso.